Usa, bimba di 3 anni sparisce di notte da casa: stuprata e uccisa dal fidanzato dalla madre

di Federica Macagnone
La conferma ufficiale è arrivata: è di Mariah Woods, la bimba di tre anni scomparsa il 27 novembre, il cadavere trovato sabato scorso nell'Holly Shelter Creek, un torrente fangoso a 40 chilometri dalla sua casa di Jacksonville, nel North Carolina, dove viveva con i due fratellini, la madre 29enne Kirsty Woods e il suo fidanzato, Earl Kimrey, 32 anni. Una casa in cui, invece di ricevere amore e protezione, la piccola ha trovato l'orrore più profondo: è lì che Earl da tempo abusava sessualmente di lei e dei suoi fratelli, picchiandoli occasionalmente, con la complicità della mamma, che sapeva tutto ma non faceva nulla per difendere i suoi figli. 
 

Una situazione da incubo che è esplosa la notte del 27 novembre, quando Mariah è scomparsa: la mamma ha raccontato che al risveglio all'alba, non l'ha trovata in camera sua. Secondo la ricostruzione della polizia, quella notte Earl avrebbe ancora una volta violentato Mariah, poi, accortosi che la bimba era morta (le cause esatte del decesso sono ancora da stabilire), avrebbe portato il cadavere fino al torrente a 40 km da casa e sarebbe tornato indietro. Al mattino, quando Kirsty ha denunciato la scomparsa della piccola, Earl ha detto di non avere idea di dove fosse finita, ipotizzando che fosse stata rapita da qualcuno che si era intrufolato in casa. A qual punto le autorità hanno emesso un "Amber Alert" (l'allerta che scatta in tutto il Paese nei casi di sospetti rapimenti di minorenni) e centinaia di volontari si sono messi in moto per le ricerche: il 2 dicembre è stato trovato il cadavere di Mariah.

I racconti di Earl, che in passato si era macchiato di piccoli reati, non hanno convinto affatto gli investigatori, che lo hanno arrestato con una cauzione fissata a un milione di dollari: per il momento deve rispondere di occultamento di cadavere e di aver ostacolato la giustizia. Tra non molto, una volta terminati gli esami sul cadavere, dovrebbe arrivare anche l'accusa di omicidio. Secondo la documentazione fornita da Alex Woods, padre dei bambini, e anche secondo la polizia, Kirsty sapeva perfettamente cosa accadeva in casa, ma ha preferito tenere l'orco in casa piuttosto che proteggere i piccoli. A dispetto delle lacrime versate durante i giorni delle ricerche, quando lanciava in tv appelli disperati, sulla sua coscienza pesa la morte di una figlia che avrebbe potuto salvare e che invece ha lasciato in balia di quell'uomo. Mariah è stata uccisa anche dal suo silenzio.
Giovedì 7 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 10-12-2017 09:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-12-08 17:14:11
Il bene é limitato, ma il Male é sempre infinito !
2017-12-08 13:25:20
C'è ancora qualcuno che è contro la pena capitale?
2017-12-08 12:20:21
Purtroppo nessuna sorpresa...ricordo la precedente notizia, casa regolarmente chiusa, nessun segno di effrazione. Ovvio che fosse l'ennesimo delitto consumato in famiglia. Ma vedo che all'orrore non c'è mai fine...mi chiedo come possano esistere certe persone.
2017-12-08 10:29:52
e questo verme (scusa verme se ti paragono a questo mostro), cosa si merita? la pena di morte? e NO!!! deve consumersi 12 ore al giorno in una cava di pietra.
2017-12-07 22:42:06
Mamma mia che schifo,davvero da vomito. Come si fa?
8
  • 2,9 mila
QUICKMAP