Australia, autista Uber violenta una sedicenne nella sua auto, secondo caso in una settimana

Autista Uber violenta una sedicenne nella sua auto, secondo caso in una settimana
Un autista è stato accusato di violenza sessuale su una passeggera 16enne. Si tratta del ​secondo caso di aggressione a sfondo sessuale nel giro di una settimana a Brisbane, in Australia, da parte di un conducente di taxi di Uber. La polizia del Queensland ha detto che l'uomo, un 37/enne, ha violentato la ragazza nella sua automobile lo scorso 8 luglio. Non ha fornito altri particolari, incluso il nome del conducente.

L'arresto arriva una settimana dopo che un altro tassista di Uber è stato accusato di aver violentato un'altra passeggera. Le due aggressioni non sono collegate. Uber ha comunicato di aver immediatamente bloccato l'accesso dell'uomo al servizio dopo aver appreso le accuse contro di lui.
Venerdì 14 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 16-07-2017 10:21

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-07-14 14:51:06
Cominciassero a pagare tasse, a stipulare polizze rca per trasporto di persone, avere patenti per l'abilitazione professionale...solo in questo caso si potrebbe ragionare su uber. Ma forse così verrebbe meno proprio uber, basato sull'aggiramento delle norme
2017-07-14 16:07:50
Non credo. Per avere l'accesso bisogna superare test attitudinali,
2017-07-14 14:07:07
Pubblicate la notizia di una violenza sessuale in ... Australia!!! Ma che, sta iniziando una campagna stampa contro l'Uber?
2017-07-14 14:03:42
Io sono contro Uber, per me per fare il tassista bisogna avere la licenza e dei controlli a cominciare dalla fedina penale.
2017-07-14 13:55:13
in Australia...
10
  • 826
QUICKMAP