seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Venerdì 18 Aprile - agg.12:34
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Strage di bambini, falso il post sul web
Newtown, allarme bomba in chiesa
Sventata altra strage a scuola nell'Indiana

Obama arrivato a Newtown per una veglia di preghiera con i genitori e i parenti delle vittime

NEW YORK - Le presunte «frasi» di Adam Lanza sui social media sono false e sono opera di «persone che hanno fatto finta di essere il killer». È quanto ha dichiarato in una conferenza stampa a Newtown il portavoce della polizia del Connecticut, rispondendo ad una domanda riguardo alle notizie circolate riguardo ad un presunto allarme sulla strage che sarebbe circolato in Rete prima di venerdì. La polizia ritiene che queste notizie siano «inaccurate» e che possano anche recare, facendo «disinformazione», danno all'inchiesta, annunciando che eventuali responsabili della loro diffusione potranno essere perseguiti.

Inoltre, il portavoce della polizia
ha detto che «non sono state rese note tutte le prove» riguardanti la strage che sono in possesso della polizia che sta conducendo, con «il massimo delle risorse, locali, statali e federali, possibili» un'inchiesta tesa a «dare risposta a tutte le domande».

Il 'post' falso su 4Chan
alla vigilia della strage aveva preannunciato la tragedia che stava per avvenire. Mercoledì scorso, due giorni prima della strage nella scuola elementare di Newtown, un messaggio anonimo aveva minacciato un suicidio per venerdì mattina e che «avrebbe fatto notizia».

Il post anonimo: «Mi ucciderò venerdì e finirà sulle tv, guardate alle 9». Secondo Infowars, il post è apparso sulla piattaforma di condivisione da cui è nato Anonimous alle 22:18 di mercoledì sotto l'username 'iKTatjYX': «Mi ucciderò venerdì e finirà sulle tv, guardate alle 9». Sotto il messaggio la foto di Eric Harris e Dylan Klebold, i killer della Columbine High School in Colorado, in un lago di sangue. «Vivo in Connecticut, posso dire solo questo», risponde 'iKTatjYX' a chi gli chiedeva chi fosse. Il post è stato il suo ultimo messaggio.

LEGGI ANCHE: ALLARME BOMBA, EVACUATA CHIESA DI NEWTOWN

Il killer ha cercato di distruggere il pc.
Gli inquirenti che stanno cercando nella casa di Adam Lanza indizi per dare un perché dell'orribile massacro della scuola elementare di Newtown hanno trovato il computer del 20enne, che si è suicidato dopo la strage, danneggiato. Secondo quanto riferito da fonti della polizia al quotidiano locale «The Hartford Courant», l'hard drive del computer era stato rimosso e spaccato in diversi pezzi. Ora gli esperti dell'Fbi sono al lavoro per cercare di riuscire ad ottenere dal drive danneggiato informazioni utili.

La madre uccisa con due colpi alla testa.
Il corpo di Nancy Lanza, la madre del killer che collezionava le armi che poi sono state usate dal ragazzo, che era affetto da gravi disturbi psichiatrici, è stato trovato nel letto della donna, uccisa da due colpi alla testa. Sarà effettuata l'autopsia per determinare l'esatto momento della morte. Nella villa della madre, Adam aveva due camere, una dove dormiva, e un'altra una sorta di studio dove aveva il computer, che usava anche per fare dei giochi di guerra particolarmente violenti.

LEGGI ANCHE: SPARTORIA IN UNO SHOPPING CENTRE IN CALIFORNIA

Sotto choc la famiglia di Adam Lanza.
La famiglia di Adam esprime «profondo dolore» alle famiglie dei 26 bambini e insegnanti massacrati alla Sandy Hook School. Il padre del ventenne, che aveva divorziato dalla madre del ragazzo, ha detto che «la nostra famiglia è in lutto con tutti quelli che sono stati colpiti» e come loro «stiamo cercando un perché» a tutto questo orrore. Anche un fratello di Lanza, James Champion, che è poliziotto a Kingston, in New Hampshire, ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime in una dichiarazione letta da un collega durante una conferenza stampa che ha convocato ma alla quale non è riuscito a partecipare perché sopraffatto dal dolore. Nella dichiarazione Champion ha chiesto alla stampa di rispettare la privacy delle famiglie «in questo momento di strazio e lutto».

Il suicidio all'arrivo della polizia. Dopo aver massacrato venti bambini e sei dipendenti della scuola, Adam Lanza si preparava probabilmente ad andare avanti, classe per classe, e uccidere ancora, ma sentendo che ormai era arrivata la polizia, si è tolto la vita sparandosi alla testa, ha affermato oggi il governatore del Connecticut, Dannel Malloy.

LEGGI ANCHE: SVENTATA UN'ALTRA STRAGE IN UNA SCUOLA DELL'INDIANA

Una veglia di preghiera interreligiosa per ricordare i 20 bambini e i sei adulti massacrati da Adam Lanza. Il presidente americano, Barack Obama, è arrivato in Connecticut e si sta dirigendo verso la cittadina di Newtown dove incontrerà le famiglie delle piccole vittime della Sandy Hook Elementary School. Dal suo staff fanno sapere che Obama ha voluto scrivere quasi interamente da solo il suo discorso, quello che pronuncerà durante la cerimonia per commemorare le vittime. Discorso che il presidente ha rivisto con attenzione durante il volo da Washington.

Ad accogliere il presidente americano un tempo grigio con una fitta pioggerellina. Parecchie case sulla strada che porta alla collina dove si trova la scuola sono decorate con illuminazioni natalizie, ma la maggior parte sono spente.

Barack Obama arriva a Newtown per pregare assieme ai genitori e ai parenti delle vittime. È il quarto viaggio del dolore dopo un'omicidio di massa che Obama deve compiere da quando è presidente, e probabilmente è anche il più difficile. Ha scelto di prepararsi stando vicino alla sua figlia più piccola, Sasha. Andando ad assistere alle prove del suo balletto in una sala di musica non lontano dalla Casa Bianca. Appena una breve visita, per stringerla in un abbraccio un pò più forte del solito e dirle «ti voglio bene», come lui stesso ha rivelato che avrebbe fatto in questi giorni più volte.

Gli inquirenti, si è intanto appreso, si sono convinti che nella strage Peter Lanza e il suo altro figlio Ryan non c'entrino nulla, tanto che i loro interrogatori sono considerati conclusi. E certamente ne deve essere convinto anche Robbi Parker, il padre della piccola Emilie, di sei anni, una delle venti creature massacrate. In una dichiarazione alla stampa, con gli occhi pieni di lacrime e la voce rotta per l'emozione, Robbi Parker ha fatto le condoglianze ai membri della sua comunità colpiti dalla tragedia, e anche alla famiglia del killer.

Domenica 16 Dicembre 2012 - 16:08
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Decreto Irpef, Renzi alla stretta finale. Bonus da 620 euro, salirà a 950 nel 2015. Tagli agli stipendi: 4 fasce

Il premier Matteo Renzi è alla stretta finale in vista dell'approvazione, domani in consiglio dei...

Fs, utile netto in crescita a 460 milioni

Fs chiude il bilancio 2013 con un utile netto di 460 milioni, in crescita del 20,7% rispetto all'anno...

Alitalia-Etihad, vertice con governo per salvare la trattativa

Lo strappo consumato da Etihad con la dura lettera di mercoledì, ieri ha costretto Alitalia a correre...

Statali, stangata sugli stipendi in arrivo: il primo tetto a 60mila euro

Tetto alle retribuzioni per tutti i dipendenti pubblici. Sta prendendo forma l'articolo del decreto...

Lavoro, meno proroghe per i contratti. Scontro nella maggioranza

Il tetto delle proroghe, per i contratti a tempo determinato passa da otto a cinque. La commissione Lavoro...

CASA
Pensioni nel 2014, cresce l'età delle donne
Si allontana il congedo. Nel 2017 pareggio anagrafico tra i due sessi
Case sfitte, quando e perché si paga l'Irpef
La tassa è dovuta per alloggi vuoti nella città di residenza
Guida alla Tasi, prima rata a giugno
Presto le aliquote decise dai Comuni. Il saldo entro il 16 dicembre
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009