«E' uno stregone», la famiglia abbandona il bimbo, cooperante danese lo salva dalla morte

Abbandonato a soli due anni dalla sua famiglia che lo considerava uno stregone, ora è rinato. È la drammatica storia a lieto fine di un bambino nigeriano, ribattezzato Hope (speranza) dalla sua benefattrice, una cooperante danese, Anja Ringgren Lovèn, che si è preso cura del piccolo postando anche sul web le terribili immagini che lo ritraevano subito dopo il suo ritrovamento, facendo scattare in questo modo una campagna di solidarietà internazionale. La vicenda di Hope si consuma nel villaggio di Uyo, nel sud della Nigeria.

Dopo essere stato cacciato di casa e lasciato senza vestiti e in balia di se stesso perchè considerato uno
Ndoki (bambino stregone), il piccolo vive per circa otto mesi vagabondando per strada, alla ricerca di una carezza, una mano gentile e nutrendosi con qualunque cosa riuscisse a trovare. Poi a fine gennaio di quest'anno, oramai denutrito e quasi in fin di vita, l'incontro con la sua benefattrice, che lo salva prendendosi cura di lui.
 


«Migliaia di bambini vengono accusati di essere streghe e li abbiamo visti torturati, morti e spaventati - ha scritto su Facebook Anja Ringgren Lovèn -. Queste immagini mostrano il motivo per cui mi batto. Perchè ho venduto tutto quello che possiedo». Le istantanee pubblicate sul profilo Facebook della cooperante danese mostrano il bambino nudo e magrissimo, ma anche il suo ricovero e la sua salvezza.

In alcune foto si vede infatti il piccolo mentre viene soccorso dai volontari della ong indipendente African Children's Aid Education and Development Foundation che lo imboccano o con un biscotto o mentre è nutrito con una bottiglia. In altre fotografie, da un forte impatto emotivo, il piccolo appare avvolto in una coperta, o quando gli viene fatto il bagno. Le immagini, a dir poco commoventi, dopo essere state pubblicate sul web hanno fatto scattare una mobilitazione internazionale, al punto che l'ong è riuscita a raccogliere un milione di dollari in donazioni.

Denaro - ha assicurato Lovèn - che permetterà di dare a tutti quei bambini abbandonati un futuro, ma soprattutto una speranza di vita. I finanziamenti saranno infatti impiegati anche per edificare una sorta di clinica-ospedale, salvando in questo modo moltissimi bambini abbandonati dalle loro famiglie. Hope ha vinto la sua battaglia: grazie ai soccorsi è riuscito ad eliminare i vermi allo stomaco causati dalla malnutrizione e adesso, per lui, è iniziata una nuova vita.
Martedì 16 Febbraio 2016 - Ultimo aggiornamento: 18-02-2016 15:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-02-17 08:47:46
Come si fa a pensare che un bimbo sia uno stregone? Gli stregoni sono i genitori. a mia avviso
2016-02-17 13:32:57
Quanto è bello vivere quando senti queste meravigliose notizie.
2
QUICKMAP