Nigeria, paura in volo per un motore in fiamme: il fumo avvolge i passeggeri in cabina

di Federica Macagnone
Il fumo denso che avvolge la cabina, le urla di paura, le preghiere e il pianto a dirotto di chi pensava non avrebbe mai più toccato terra. Sono stati attimi di panico quelli vissuti dai 53 passeggeri del volo NG316 della compagnia Aero Contractors decollato da Port Harcourt e diretto a Lagos, in Nigeria. 
 
 


L'aereo, un Boeing 737 che stava effettuando un volo interno, era decollato da soli venti minuti quando ha cominciato a riempirsi di fumo, scatenando il panico generale, come testimoniano le immagini girate da alcuni passeggeri e successivamente postate su Twitter. «Uno dei motori ha preso fuoco e abbiamo sentito puzza di bruciato. C'era fumo dappertutto. Pensavamo di morire, c'era chi gridava e chi pregava - ha raccontato Oriakwu Okwesiliez in diversi tweet - Potevamo morire tutti, è stato un miracolo. Non c'è stata data alcuna spiegazione né durante il volo né quando siamo scesi: il pilota continuava a dirci di mantenere la calma e ha detto che coloro che non riuscivano a respirare potevano portarsi dei fazzoletti bagnati al naso. Questa è un'esperienza che non dimenticherò facilmente. Continuavo a pensare alla mia famiglia e non facevo altro che pregare. Posso dire di esser grato per essere vivo». 
 



Secondo quanto riporta Sahara Reporters, l'aereo è atterrato e i vigili del fuoco hanno spento l'incendio. Adesso la Ncaa (Nigerian Civil Aviation Authority) sta indagando per capire quale sia stata la causa dell'incidente e confermare o meno un eventuale incendio al motore. Un portavoce della compagnia aerea ha detto che, dai controlli prima della partenza, non era emersa alcuna anomalia.
Venerdì 21 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 22-04-2017 14:18

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 2
QUICKMAP