Migranti, Strasburgo chiede spiegazioni a Italia su accordi con la Libia

Il Consiglio d'Europa chiede chiarimenti all'Italia sul suo accordo con la Libia, ricordando l'obbligo di rispettare i diritti dei migranti e di non esporli al rischio di tortura o trattamenti inumani rinviandoli verso il Paese. E la risposta del ministro dell'Interno Marco Minniti arriva a stretto giro: «l'Italia non fa respingimenti». Ai libici offriamo «solo formazione e diamo supporto logistico». Intanto il direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri, in un'audizione all'Europarlamento, prende le distanze: «non abbiamo interlocutori in Libia, noi collaboriamo con le missioni europee Eubam e EunavForMed».

Le richieste di spiegazioni sono contenute in una lettera che il commissario ai diritti umani del Consiglio d'Europa Nils Muiznieks, ha inviato a Minniti il 28 settembre. In particolare, si domandano informazioni sugli accordi presi con la Libia; «quali salvaguardie l'Italia abbia messo in atto per garantire che le persone eventualmente intercettate o salvate da navi italiane in acque libiche, non siano esposte al rischio di essere vittime di trattamenti e pene inumane e degradanti e alla tortura»; e indicazioni sul nuovo codice di condotta per le ong, coinvolte in operazioni di salvataggio in mare.

«Mai navi italiane o che collaborano con la Guardia costiera italiana hanno riportato in Libia migranti tratti in salvo» specifica Minniti, spiegando che «l'attività delle autorità italiane è finalizzata a formazione, equipaggiamento e supporto logistico della Guardia costiera libica, non ad operazioni di respingimento». Nella lettera che il Viminale ha inviato al commissario, ma che quest'ultimo non ha ancora ricevuto, si evidenzia inoltre che «la più recente strategia italiana, condivisa e apprezzata a livello europeo» ha come obiettivo la gestione dei flussi migratori al fine di ridurre il rischio di incidenti e naufragi, «un rischio che potrà essere azzerato solo con l'interruzione delle partenze».

Nella sua risposta il ministro specifica anche che l'Italia «non sottovaluta affatto il tema del rispetto dei diritti umani in Libia e, anzi, lo considera cruciale» e sta lavorando per un rafforzamento della presenza nel Paese di Unhcr e Oim. Nello scrivere a Minniti, Muiznieks ha ricordato che la Corte europea dei diritti umani ha condannato l'Italia nel 2012 per i migranti intercettati in acque internazionali e ricondotti in Libia, nonostante le autorità italiane sapessero o dovessero sapere dei rischi che correvano di essere torturate e sottoposte a trattamenti e pene inumane e degradanti. E il commissario evidenzia come sia stato in seguito a questa condanna che l'Italia si è impegnata a non rinviare più in Libia persone intercettate in mare.
Mercoled├Č 11 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2017 17:03

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 28 commenti presenti
2017-10-12 17:00:02
├ł giusto che l Europa si interessi del caso, in quanto sono arrivate notizie che i migranti presi e riportati in Libia, vengono trattati non da persone umane ma peggio delle bestie. Ci sono anche donne e bambini e questo complica di moltio la situazione. per non dire altro.Purtroppo come anche scritto nell articolo, l Italia ├Ę ripetitiva e sembra non curarsene delle gravose qzioni dei militari libici di arrivare quasi fino alla turtura.Mi chiedo come si fa ad essere cos├Č menegfregisti, che paese stiamo diventando?????.Noi siamo responsabili per le azioni delle nostre navi in zone libiche , e noi dobbiamo provvedere che questi esseri umani trattenuti in libia vengano tratttati umanamente.Quando leggo certi post, scusate ma mi viene il voltastomaco.
2017-10-12 12:58:33
Cornuti e mazziati. Veniamo anche bacchettati. E' il colmo. Europa assente.
2017-10-12 12:41:27
E ora, niente p├╣vpacca sulle spalle dall'Europa! Niente pi├╣ "bravi, avete salvato l'onore dell'Europa"! Una tragedia!
2017-10-12 12:37:35
Incredibile! chi non ha mai fatto nulla fin'ora sulle migrazioni ora cerca un po' di visibilita' facendo appunti proprio chi in prima persona e' staca coinvolta e poi abbandonata alla carica degli africani e mediorientali! Siccome sono certo piu' bravi ed umani di noi italiani, bene ora se li prendano loro!!
2017-10-12 11:54:29
La misura e` colma con questa Europa di imbecilli.
28
  • 129
QUICKMAP