Giappone, rapita all'uscita da scuola e segregata per 2 anni: 15enne riesce a fuggire e chiama la polizia

di Federica Macagnone
Per due anni i suoi familiari non hanno saputo più nulla di lei. L'unica cosa alla quale sono riusciti ad aggrapparsi era un biglietto in cui diceva di volersi allontanare da loro. «Non cercatemi» aveva scritto la 15enne Ana Saito. Poi il silenzio. Ma Ana non si era allontanata volontariamente: era stata rapita da Kabu Terauchi, uno studente universitario di 23 anni che per due anni l'ha tenuta prigioniera in un appartamento di Tokyo, senza darle mai la possibilità di mettere piede fuori da quella prigione.

Ana era scomparsa nel marzo 2014: stava tornando a casa da scuola ad Asaka, quando, come ha raccontato alla polizia, è stata rapita da Kabu. L'ultima volta era stata vista mentre parlava con un ragazzo a pochi passi da casa. Poi il nulla. Per la famiglia uno strazio quotidiano: secondo il Japan Times, i genitori avevano ricevuto una lettera scritta a mano. Poche parole in cui Ana chiariva la sua posizione. «Ho bisogno di una pausa da scuola e da casa. Sarò ospite di un amico. Vi prego, non mi cercate». Da allora della ragazzina non avevano avuto più notizie. Tuttavia, dietro quelle parole si nascondeva un'altra storia.

Dopo due anni di prigionia, domenica, Ana è riuscita a fuggire: Kabu si era dimenticato di chiudere la porta dall'esterno e la ragazzina è riuscita a scappare per le strade di Tokyo, si è diretta a una cabina telefonica nella stazione di Nakano e ha chiamato la polizia. Agli agenti ha raccontato di essere rimasta in quell'appartamento dal giorno del rapimento e che le erano stati impediti tutti i contatti con la famiglia.

Kabu è stato arrestato lunedì, dopo che la polizia ha ricevuto una chiamata di segnalazione da parte di un passante che ha visto un uomo coperto di sangue in giro per la città: dopo che la ragazza è scappata, infatti, ha tentato il suicidio. Adesso è in ospedale per una ferita che si è auto-inflitto, ma quando si sarà ristabilito sarà formalmente accusato di sequestro di persona.
Luned├Č 28 Marzo 2016 - Ultimo aggiornamento: 29-03-2016 18:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 308
QUICKMAP