seguici su Google+ RSS
Mercoledì 23 Luglio - agg.21:57
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

«Frattini alla Nato»,
la mossa di palazzo Chigi

Franco Frattini

ROMA - Dopo Mario Draghi un altro italiano potrebbe occupare una poltrona di peso nello scacchiere internazionale. Mario Monti mercoledì a Bruxelles ha ufficializzato, attraverso l’ambasciatore Riccardo Sessa, la candidatura di Franco Frattini a segretario generale della Nato. L’ex ministro degli Esteri potrebbe succedere al danese Anders Fogh Rasmussen nel 2014. «Frattini è un candidato forte, ha molte probabilità di ottenere il prestigioso incarico», dicono a palazzo Chigi.

Monti, prima di procedere al passo ufficiale in occasione della riunione del Consiglio permanente dell’Alleanza atlantica, ha sondato Giorgio Napolitano. E, a colpi di telefonate, ha ottenuto il via libera di Silvio Berlusconi, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini, i leader della sua maggioranza.

Fonti diplomatiche italiane a Roma e a Bruxelles danno come «probabile» la nomina di Frattini. «Perché l’Italia non ha un segretario generale della Nato dal 1971», quando in quell’incarico sedeva Manlio Brosio. E perché «il curriculum di Frattini è di tutto rispetto». L’esponente del Pdl è stato per due volte ministro degli Esteri, prima ancora ha svolto il compito di Commissario europeo per la giustizia e la sicurezza e di vicepresidente della Commissione di Bruxelles. In più Frattini ha presieduto il delicato Comitato per la sicurezza interna (Copaco).

La strada che dovrebbe portare l’ex ministro alla guida della Nato non è però breve. Mercoledì a Bruxelles il Consiglio Nato era chiamato a discutere della proroga chiesta da Rasmussen. L’attuale segretario generale dell’Alleanza atlantica scade nel luglio del 2013, ma visti gli impegni militari della Nato in Afghanistan e in altre aree di crisi, Rasmussen ha chiesto di restare al suo posto per «alcuni mesi, meglio un anno». Tutti i rappresentanti permanenti, compreso l’ambasciatore Sessa, hanno dato l’assenso di massima alla proroga. E in questa occasione il rappresentante italiano, su incarico di Monti, ha ufficializzato la candidatura di Frattini.

Le reazioni degli ambasciatori degli altri Paesi, a quanto trapela dalla sede dell’Alleanza atlantica, sarebbero state favorevoli. Tanto più che Monti aveva provveduto a sondare preventivamente le cancellerie europee, a cominciare da Angela Merkel.
A questo punto, secondo la strategia dei nostri diplomatici, quando alla prossima riunione del board della Nato verrà concessa ufficialmente la proroga a Rasmussen, l’Italia punterà a strappare un accordo politico che faccia di Frattini il «successore certo» del segretario generale uscente. Roma è convinta di poter godere anche della benevolenza di Rasmussen: nel 2009 Berlusconi durante una cerimonia in pompa magna della Nato a Strasburgo (presente Obama) telefonò, facendo attendere una spazientita Merkel, al premier turco Tayyp Erdogan per convincerlo a sostenere l’ex premier danese. E ci riuscì.

Sabato 15 Settembre 2012 - 11:35
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

La moglie non vuole fare sesso, lui pubblica online tutte le scuse usate

C'è chi dice che il matrimonio sia la tomba dell'amore. Per qualcuno, sicuramente lo...

«Chiama il mio fidanzato», e Siri risponde: «Quale dei due?». L'iPhone inguaia la ragazza infedele

Siri è un noto software che grazie al riconoscimento vocale aiuta in molte situazioni, ma in una...

Papà trova babysitter che abusa del figlio Lo picchia a sangue, poi chiama la polizia

Lo ha picchiato così forte da farlo svenire. Poi ha chiamato la polizia: «Sono tornato a casa e...

Roma, incidente sul Gra nella notte: muore un uomo di 67 anni, tre feriti

Incidente mortale nella notte sul Grande raccordo Anulare a Roma. È caccia al conducente...

Addetti alle pulizie trovano un pupazzo "impiccato" in una casa e lo gettano nella discarica: ma era un cadavere

Non hanno avuto nemmeno un dubbio. I due addetti di una società di pulizie che si sono trovati davanti...

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009