Entra in una setta online e non sa come uscirne: disperato, si fa uccidere dalla fidanzata

di Federica Macagnone
Erano ormai troppi gli incubi e i problemi che affollavano la sua mente e non lo lasciavano più in pace: talmente tanti da togliergli la voglia di vivere e desiderare di morire. Le ossessioni per gli ufo, gli alieni, le teorie della cospirazione lo avevano fatto scivolare nel culto diffuso online da una setta nella quale era stato facile entrare, ma da cui gli era sembrato impossibile uscire quando si era reso conto che quelle idee non erano in linea con le sue e aveva cominciato, proprio per questo, ad avere "problemi" non meglio specificati. A quel punto Steven Mineo, 32enne di Coolbaugh Township, in Pennsylvania, si è sentito in trappola e, realizzando di avere una sola via d'uscita, ha chiesto alla sua fidanzata Barbara Rogers, 42 anni, di ucciderlo. 

E' stato questo che i poliziotti si sono sentiti raccontare dalla stessa Barbara quando sabato sono arrivati in casa sua e hanno trovato Steven senza vita, ucciso da un colpo di pistola alla testa sparato dalla donna che, dopo aver realizzato il desiderio del fidanzato, ha chiamato immediatamente gli agenti. Le forze dell'ordine, che hanno sequestrato una pistola Glock calibro 45 trovata accanto al cadavere e una pistola e un fucile rinvenuti all'interno e all'esterno della casa, hanno ovviamente arrestato Barbara incriminandola per omicidio.

La vicenda, però, non si conclude certamente qui: oltre a verificare la versione della donna, gli inquirenti dovranno infatti sentire parecchie persone per capire se dietro la morte di Steven possano esserci altre eventuali, inquietanti responsabilità, oltre a quelle della sua fidanzata che l'ha ucciso materialmente. Cercando di stabilire innanzitutto il ruolo e l'attività delle persone che si nascondono dietro quel "culto" (il cui nome non è stato diffuso dalla polizia) in cui Steven si è ritrovato impigliato come in una ragnatela.

«Tenete gli occhi aperti - scriveva Steven il 3 luglio in un post su Facebook - Ogni anno intorno a quest'ora del 4 luglio vedo molta attività di Ufo. Oggetti volanti non identificati, e non mi riferisco ai fuochi artificiali». E ancora, in un post del 13 luglio, mentre guardava con Barbara "Resident Evil: Vendetta": «Questi film apocalittici ti danno sempre una visione di quello che sta per arrivare». Gli ultimi sussulti di un incubo da cui Steven non sapeva più come uscire.
Lunedì 17 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-07-2017 20:06

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-07-18 08:27:59
la fidanzata non poteva accompagnarlo da uno psichiatra?
2017-07-18 11:41:24
Sembra facile... è evidente che non solo il ragazzo aveva pesanti fragilità psicologiche, ma anche il rapporto con questa donna doveva essere assai disfunzionale. Se tutti coloro che stanno collassando sotto situazioni di questa gravità se ne rendessero conto, non si rivolgerebbero alle sette, quanto piuttosto a buoni specialisti.
2
  • 240
QUICKMAP