Dubai, da Pamela Anderson ai robot: ecco i nuovi automi baywatch che salvano vite fra le onde

Sono molto efficienti e instancabili, capaci - secondo i costruttori - di sfrecciare fre le onde a più di 15 nodi e di salvare fino a 5 persone alla volta, ma certo qualcosa rischia di perdersi fra quelle stesse onde. Ad affondare è il mito del bagnino: da quello romagnolo ai protagonisti ben più patinati come Pamela Anderson (Casey Jean) e David Hasselhoff (Mitch) di Baywatch.
Epperò a Dubai non hanno avuto dubbi e nelle spiagge pubbliche sono già entrati in servizio i robot bagnini. Avanzatissimi incroci fra una moto d'acqua e minisottomarino, questi bolidi vengono guidati a distanza dalla spiaggia. Agli addetti alla sicurezza degli arenili basta tenere le batterie ben cariche e gettare in acqua i baywautch elettronici quando scatta l'allarme.
Senza rischiare così ulteriori vite, il robot lungo quasi un metro mezzo e pesante solo 11 chili raggiunge le persone in difficoltà che possono così aggrapparsi al robot evitando di annegare. Formidabile l'autonomia: 130 km, il che consente agli operatori di recuperare più persone con la stessa uscita. Per ricaricare le batterie, come riporta Gulf News, basta un'ora e mezza.     
Questi bagnini elettronici, inoltre possono muoversi anche in condizioni di mare difficili se non proibitive per i "colleghi" umani. Insomma, nessun dubbio da parte delle municipalità del Dubai che è anche orgogliosa di mostrare al resto del mondo i progressi della locale tecnologia: il futuro dei salvataggi in mare è dei bagnini robot.   

 
Luned├Č 5 Settembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 07-09-2016 18:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 25
QUICKMAP