Usa, dichiarazioni razziste verso neri e musulmani: lascia un dirigente di Trump

Un altro uomo di Trump costretto a lasciare. E' un alto dirigente del dipartimento per la sicurezza interna, Jamie Johnson: si è dimesso dopo che la Cnn ha rivelato alcune sue dichiarazioni razziste e discriminatorie verso neri e musulmani nel 2008. Johnson è stato attivo nella politica repubblicana in Iowa per anni, lavorando per candidati presidenziali come Rick Santoruim, Rick Perry e anche Donald Trump.

In aprile era stato nominato dall'amministrazione Trump capo del Center for faith-based & Neighborhood partnership del dipartimento della homeland security, che attua le politiche della Casa Bianca in materia di emergenze e disastri nelle comunità religiose e non. Nelle sue dichiarazioni, Johnson accusò le comunità nere di aver trasformato le maggiori città Usa in bassifondi per la loro pigrizia, l'uso di droga e la promiscuità sessuale. E sostenne che l'Islam radicale è
«il vero Islam», che «tutto ciò che l'Islam ci ha dato è petrolio e corpi morti nell'ultimo millennio e mezzo».
Venerd├Č 17 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:23

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-17 18:19:50
Purtroppo in questa societa' meno si parla e meglio e'. I fatti pero' sono piu' importanti delle parole.
QUICKMAP