Brexit, il sindaco di Londra sfida Cameron: «Voterò per l'uscita dall'Ue»

Il 23 giugno gli elettori britannici saranno chiamati a votare per il referendum sulla sulla permanenza o meno del Regno Unito nell'Ue. La data è stata annunciata dal primo ministro David Cameron a margine di una riunione straordinaria del governo svoltasi dopo il vertice di Bruxelles di sabato.

Nel frattempo, il premier Cameron ha incassato il sostegno dei leader di circa la metà delle 100 più grandi aziende della Gran Bretagna, come Shell, BAE Systems, BT e Rio Tinto, nella sua lotta per mantenere il paese nell'UE, nel referendum di giugno che segnerà il futuro del Regno Unito. "Siamo convinti che per la Gran Bretagna sia meglio restare nell'UE" hanno affermato i 50 leader delle aziende quotate nel FTSE 100, in una lettera inviata al premier inglese. 

Il sostegno delle imprese dà un po' di sollievo all'inquilino di Downing Street dopo che il sindaco di Londra, Boris Johnson ha detto chiaramente che si schiererà per l'uscita dall'Unione, unendosi ai sei ministri, tra cui l'amico di David Cameron, Michael Gove, favorevoli all'uscita della Gran Bretagna dall'Ue.  Johnson ha negato che la sua mossa sia stata un tentativo di ottenere consensi dagli euroscettici del partito Tory in cambio di un'offerta di leadership. "Qualsiasi cosa accada alla fine di questo - e l'ho detto al primo ministro - Cameron deve rimanere al suo posto. L'ultima cosa che avrei voluto fare era andare contro David Cameron e il suo governo", ha dichiarato il primo cittadino della City, convinto tuttavia che nel progetto europeo "c'è il pericolo reale di perdita di controllo democratico" e sovranità da parte della Gran Bretagna. La famiglia di Johnson è fermamente pro-Ue, e lui stesso ha affermato che la decisione di voler votare no all'Ue, è stata "disperatamente difficile", ma "c'è troppo attivismo giudiziario, troppe leggi che arrivano dall'Ue". 

Cameron presenterà oggi al Parlamento l'accordo raggiunto al vertice di Bruxelles e cercherà di convincere la maggioranza degli inglesi a votare a favore della permanenza del Regno Unito nell'Ue, un voto dall'esito ancora incerto. Venerdì il premier inglese ha ottenuto da Bruxelles una serie di misure che rafforzano lo status indipendente del paese dall'Ue.


 
Lunedì 22 Febbraio 2016 - Ultimo aggiornamento: 23-02-2016 10:55

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-02-22 12:47:08
Il Regno Unito vuole uscire dall'UE? Ma quando mai c'è entrato? È sempre rimasto a cavallo della soglia d'ingresso, senza mai varcarla. Ci si ricordi della special relationship, ammiccante agli Stati Uniti e a episodi di tradimento tipo Echelon.
2016-02-22 14:08:42
subito la mafia valutaria internazionale si e' fatta avanti. Svalutando la sterlina in questo momento le avete fatto un gran favore a continuo danno dei prodotti europei gia costosi a causa di un euro ancora gonfio di cronica speculazione.
QUICKMAP