Brexit, via ai negoziati con la Ue. May debole, i Tories le danno 10 giorni

May (Ansa)
di Cristina Marconi
LONDRA A più della metà dei britannici piacerebbe poter votare sulle modalità dell'uscita del loro paese dall'Unione europea. Non è un ripensamento, ma un aumento netto della cautela, quello che si sta verificando nel Regno Unito, paese alle prese con una profonda crisi politica dopo che dalle elezioni dell'8 giugno scorso è uscito un parlamento senza maggioranza e con una premier Theresa May gravemente indebolita e messa sotto accusa anche dai Tories. Secondo un sondaggio di Survation, il 53%...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 19 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-06-2017 13:45

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-06-19 13:02:03
Forse per i sudditi di Sua Maestà sarebbe più opportuno un ripensamento. Perderebbero la faccia, ma salverebbero la loro economia.
2017-06-19 13:41:36
purtroppo un ripensamento non ci sara', basterebbe un po' di sana realpolitik ma qui hanno un sacro rispetto della volonta' popolare, anche quando il popolo chiaramente vota senza avere tutte le informazioni. Ho rispetto per l'istituto del referendum ma dovrebbe essere usato solo per i grandi temi etici (ie. aborto, divorzio, matrimoni gay etc...). Quando l'argomento e' troppo tecnico il parlamento si deve prendere le sue responsabilita'.
2
  • 5
QUICKMAP