Algeria, cancellati i volti delle candidate dai manifesti elettorali

Le autorità elettorali hanno dato ai responsabili 48 ore di tempo per la sostituzione
di Rachele Grandinetti
Si vota il 4 maggio ma agli elettori di certe province non è dato conoscere il volto delle candidate. In Algeria, tra circa tre settimane, ci saranno le elezioni legislative per il rinnovo parlamento. In alcuni angoli del Paese, però, partiti di ispirazione islamica hanno cancellato i volti delle donne dai manifesti: al loro posto soltanto uno hijab che incornicia un ovale bianco. Non solo. Perché anche in tv la campagna è portata avanti secondo regole che impediscono loro di metterci la faccia, letteralmente. Fatma Tirbakh, candidata del Fronte Nazionale per la Giustizia Sociale, è apparsa sul canale Ennahar (nella provincia di Ouargla) in forma di “avatar” vuoto: «Poter vedere la mia foto - ha dichiarato in quella occasione - è una cosa importante, credo. Ma provengo da una regione meridionale. Onestamente parlando, è estremamente conservatrice». Per questo motivo, ha spiegato la Tirbakh, la famiglia ha insistito perché la sua immagine non comparisse nemmeno sugli schermi televisivi.

Sulla questione è intervenuta la Commissione elettorale definendo la pratica «pericolosa, illegale, opposta alle leggi e alle tradizioni» anche in virtù del fatto che «ogni cittadino ha il diritto di sapere per chi vota». Si tratta dell’ennesima strategia per rendere più complicata l’elezione delle donne (usata anche nel 2011 e nel 2012 in Egitto e lo scorso settembre a Gaza) in un Paese che, dal 2011, prevede quelle quote rosa tanto osteggiate da molti deputati uomini sin dalla loro introduzione. Eppure, in un solo anno, la novità aveva dato come risultato una rappresentanza passata dal 7 al 31%. Ma si tratta di una politica ancora lontanissima da certi principi. Nadia Chouitem, deputata algerina del Partito dei Lavoratori, ha spiegato come le quote abbiano contribuito soltanto ad un cambiamento quantitativo: «Sono un trompe-l’oeil, un’illusione, perché imposte senza che le parti in causa ne siano davvero convinte. I partiti, in questo modo, fingono di promuovere la presenza delle donne nella vita politica». Intanto, lo scorso 17 aprile, le autorità elettorali hanno dato ai responsabili 48 ore di tempo per sostituire i manifesti: pena la cancellazione delle liste.
Mercoledì 19 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-04-2017 08:31

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-04-20 06:35:04
Che seguano certi dettami della loro religione nel loro paese va anche bene, il guaio e' quando lo vogliono imporre anche a casa nostra!
2017-04-19 17:48:20
Ma in realtà le facce delle candidate ci sono. Solo che sono totalmente invisibili, come del resto tutte le donne nel mondo islamico.
2017-04-19 17:12:30
Gente da tenere più lontano possibile,altro che che "arricchimento," cultura zero,uguale a quelli che sono per l'accoglienza.
2017-04-19 16:45:10
classico esempio di involuzione della razza umana.
2017-04-19 16:41:30
Li facciamo entrare in Europa?
8
  • 85
QUICKMAP