seguici su Google+ RSS
Mercoledì 20 Agosto - agg.18:33
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Aereo sparito, spunta ipotesi di un fulmine. Angela Missoni: non ci arrenderemo

BRESCIA - «Ho visto i fulmini, c'era un temporale». Non crede all'ipotesi del dirottamento Giuseppe Scalvenzi, fratello di Elda, che insieme alla moglie Rosa Apostoli non era salito sull'aereo scomparso a Los Roques con a bordo Vittorio Missoni, la compagna Maurizia Castiglioni ed i coniugi bresciani Foresti . «Sul loro aereo c'erano posti liberi – racconta – Missoni insisteva perché partissimo insieme e finissimo in aeroporto la partita di burraco che avevamo cominciato. Ma mia moglie ha preferito rimanere ancora qualche ora sull'isola piuttosto che aspettare in aeroporto» il volo per Lisbona che partiva alle 17.

Angela Missoni.
«Al momento non abbiamo ulteriori notizie sugli sforzi» per le ricerche, ma possiamo dire che «siamo fiduciosi che queste continueranno con lo stesso ritmo», ha detto intanto Angela Missoni, sorella di Vittorio, ribadendo di avere «speranza e fiducia nel grande lavoro delle autorità». «Non ci arrenderemo, mio fratello Luca è in Venezuela come parte attiva delle ricerche, è un pilota e ora è impegnato a sorvolare l'area. Il nostro amministratore delegato, Alberto Piantoni, lo ha appena raggiunto. Sono in contatto diretto con le autorità venezuelana, l'unità di crisi e l'ambasciata italiana».

Ore di ansia.
«I miei figli e nipoti - continua - sono con i miei genitori, tutti insieme in questo momento difficile. Siamo commossi per l'affetto e l'aiuto che stiamo ricevendo dal mondo intero e siamo grati alle autorità per gli instancabili sforzi nella ricerca. In questo momento non abbiamo ulteriori dettagli, ma siamo fiduciosi che questi sforzi continueranno con lo stesso ritmo e che esploreranno ogni possibile strada. I nostri più profondi ringraziamenti vanno alla moltitudine di sostenitori che ci hanno raggiunto da tutto il mondo», nella speranza «che le famiglie Missoni, Scalvenzi e Foresti siano presto riunite.

L'ipotesi del dirottamento.
Scalvenzi e la moglie sono tornati a Brescia dopo essere atterrati ieri all'aeroporto di Malpensa. «Sono assolutamente positiva, non voglio pensarla in altro modo, spero nell'ipotesi di un dirottamento, ci spero tanto», ha detto Rosa Apostoli. Spero nell'ipotesi dei dirottatori, per qualsiasi scopo, dall'estorsione allo scambio politico - continua piangendo al pensiero di quello che potrebbe essere accaduto ai suoi quattro compagni di viaggio -. Nutro la speranza di poterli rivedere. Se sono in fondo al mare, con tutti i giorni che sono passati...».

Salvi per caso.
«È 25 anni che siamo amici» ricorda. Il fatto di partire e di lasciare il Venezuela «sembrava un po' come abbandonarli - dice Rosa - ma non riuscivamo a fare nulla lì sul posto. Non prendevano neppure i telefoni. L'urgenza era di tornare e riabbracciare i miei familiari, i miei figli e nipoti. Una persona di fiducia - aggiunge - è già partita» per il Venezuela. Insieme al marito, Rosa non è salita sullo stesso aereo su cui si sono imbarcati Missoni, la compagna ed i coniugi Foresti «per non trascorrere dieci ore all'aeroporto di Caracas, dato che dovevamo prendere voli diversi. Maurizia insisteva - ricorda - così avremmo potuto finire la partita di burraco. Ma io ho preferito restare più ore in spiaggia».

I media locali: pilota esperto.
German Marchan, il 72enne pilota dell'aereo scomparso «aveva una grande esperienza e poteva pilotare il velivolo a occhi chiusi». Lo afferma un altro pilota dell'arcipelago venezuelano amico di Marchan, citato dai media locali, ricordando tra l'altro che nel corso della sua carriera, Marchan aveva lavorato con la compagnia aerea Avensa, pilotando anche dei Dc3. «Tra i veterani dell'aviazione civile venezuelana c'è la certezza che la 'avioneta' nella quale viaggiavano i quattro italiani e i due piloti locali sia caduta in mare», affermano i media. «Deve essere successo un qualche fatto inatteso che ha impedito al comandante, cioè a Marchan, di entrare in collegamento con la torre di controllo per segnalare quanto stava accadendo». Le fonti affermano d'altra parte che «dall'aereo è arrivato un ultimo contatto con la torre di controllo di Los Roques quattro minuti dopo il decollo», comunicazione nella quale è stato segnalato «il cambio di frequenza».

Terzi.
Il governo italiano segue con «grandissima apprensione» la vicenda dell'aereo scomparso venerdì nel mar dei Caraibi con a bordo Vittorio Missoni e altri tre italiani e ci sono «contatti continui» con le autorità venezuelane. Lo ha detto il ministro degli Esteri Giulio Terzi, sottolineando che per le ricerche sono impegnati quasi quattrocento uomini e si sta valutando l'impiego dei vigili del fuoco italiani. Il ministro Terzi, nel corso di una conferenza stampa con il collega olandese Frans Timmermans alla Farnesina, ha spiegato che l'ambasciatore italiano in Venezuela è rientrato a Caracas «per controllare cosa si sta facendo per il recupero» dell'aereo. Quindi, ha «ringraziato» le autorità italiane per il sostegno alle operazioni di ricerca, aggiungendo che «dovrebbe essere messa in campo un'ulteriore unità con strumentazioni sofisticate». Terzi ha infine espresso «forte vicinanza» alle famiglie degli italiani scomparsi, assicurando che si sta «facendo di tutto» per una soluzione positiva della vicenda.

Lunedì 07 Gennaio 2013 - 11:13
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Ascoli, scontro in volo tra due caccia Tornado: trovati i cadaveri di tre dei 4 piloti. Aperta inchiesta

Sono proseguite per tutta la notte le ricerche degli equipaggi dispersi (due piloti e due navigatori) dei due...

Stangata in arrivo per gli statali: il governo studia un nuovo blocco biennale degli stipendi

La questione la riassume in termini crudi una fonte di primo livello del ministero del Tesoro: «se non...

Los Angeles, bimbo torturato per mesi e poi ucciso dalla madre e dal compagno: era costretto a mangiare vomito e feci di gatto

Gli ultimi otto mesi di vita del piccolo Gabriel Fernandez sono stati un inferno. La madre Pearl, 30 anni, e...

Palermo, cartello choc di un supermercato: «Non date soldi ai rom, guadagnano 80 euro al giorno, più di un operaio»

"Non fate l'elemosina agli zingari davanti alla porta. Guadagnano dai 60 agli 80 euro al giorno,...

Barberini, rissa dopo lo scippo turisti reagiscono ai borseggiatori e in metro scoppia il finimondo

Due ragazzi escono di corsa dalla stazione della metro a Barberini. Uno insegue l'altro, lo tira per la...

CASA
Semplificazione amministrativa per pensioni ex Inpdap e ex Enpals
Procedure unificate, sistemi di pagamento allineati a quelli Inps
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009