Vaccini, Consiglio di Stato legittimo obbligo per accesso all'asilo

E' legittimo l'obbligo di vaccino per accedere all'asilo. Il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata da due famiglie contro la sentenza del Tar del Friuli Venezia Giulia, che aveva confermato la validità della delibera del Consiglio comunale di Trieste, che ha introdotto l'obbligo delle vaccinazioni per l'accesso ai nidi e alle scuole dell'infanzia comunali e convenzionate. Lo ha reso noto l'assessore comunale all'educazione, Angela Brandi. Nell'ordinanza, il Consiglio di Stato ha riconosciuto che la tutela della salute in età prescolare prevale sulle responsabilità genitoriali.

La delibera del Comune, approvata il 28 novembre scorso, prevede, per la formazione delle graduatorie del prossimo anno scolastico 2017/18, che i bambini siano stati sottoposti a vaccinazione antidifterica, antitetanica, antipoliomietica e antiepatite virale B. Contro la decisione, due famiglie si erano opposte in sede amministrativa, ricorrendo al Tar del Friuli, che però a gennaio aveva rigettato l'istanza, quindi si erano appellate all'organo supremo della Giustizia amministrativa, chiedendo dapprima un decreto cautelare del giudice monocratico - rigettato nei giorni scorsi - e quindi una sospensione cautelativa del collegio, in vista dell'udienza nel merito per l'annullamento della pronuncia del Tar.

Nell'ordinanza, notificata oggi all'amministrazione comunale triestina, i giudici ritengono che l'ordinanza resiste alle censure degli appellanti perché «coerente» con la legislazione italiana in materia di vaccini e perché non confligge con i principi di precauzione in materia di salute. Come per i giudici di primo grado, infine, la tutela della salute in età prescolare prevale sulle responsabilità genitoriali.

 
Venerdì 21 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:39

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-04-22 07:39:44
sono a favore dei vaccini, però se mi impongono a credere ad una cosa come fosse un dogma, mi viene da pensare. le case farmaceutiche non sono onlus, ed i vaccini anche se non li paghiamo all'atto della pratica, li paga lo stato e di conseguenza noi tutti. a questo punto voglio sapere oltre ai benefici e controindicazioni sulla salute, anche costi, a chi sono le case farmaceutiche aggiudicatarie, come hanno vinto la gara di appalto. se è vero come è vero che il vaccino è utile e non dannoso che si obblighi le case farmaceutiche a darlo a costo zero, solo allora crederò che farà bene e sarà giusto punire i negazionisti.
2017-04-21 17:53:56
Ben fatto. Se fosse per me estenderei l'obbligo di alcuni vaccini anche per le scuole di ogni ordine e grado e per i posti di lavoro. E pazienza se qualche troglodita si sentira' leso nei suoi diritti di uomo delle caverne.
2017-04-21 17:11:05
finalmente lo hanno ammesso e lo hanno capito che...queste quasi completamente debellate epidemie le hanno introdotte dinuovo la marea di clandestini che fanno entrare puntualmente ogni giorno nel paese degli acchiappa citrulli.
2017-04-21 17:51:10
Non per difendere una politica dei migranti che non condivido ma potrebbe chiarire da dove ha preso spunto per il suo post? Che articolo ha letto? Questo non parla di migranti.
2017-04-21 15:50:51
Peccato che in commercio i quattro obbligatori non si trovino e si è praticamente obbligati all'esavalente che ha due vaccini facoltativi quindi se uno è allergico a quest'ultimo si arrangia,oltre il danno la beffa
11
  • 339
QUICKMAP