Milano, spacca la testa a 22enne con martello del treno: arrestato romeno

Ha spaccato la testa ad una ragazza in treno a Milano. Un romeno di 32 anni è stato fermato dai carabinieri a Cassano d'Adda (Milano) per tentato omicidio, lesioni e rapina nei confronti di una ragazza di 22 anni a cui ha sfondato la teca cranica con un martelletto frangivetro durante una rapina su un treno. La giovane è stata sottoposta a un intervento chirurgico all'ospedale San Raffaele di Milano per ridurre la frattura al cranio. Non ha mai perso conoscenza e ha fornito dettagli importanti per riconoscere l'aggressore.
L'episodio è avvenuto attorno alle 21 di sabato sul treno partito da Treviglio per Milano, ma è stato riferito dai carabinieri solo oggi. All'altezza della fermata di Cassano la ragazza (originaria di Bergamo) è stata aggredita alle spalle, mentre era seduta in un vagone da sola. L'uomo l'ha colpita diverse volte con il martello frangivetro preso sul treno e che ha abbandonato all'interno. Subito dopo è scappato scendendo a Cassano, ha portato via la borsa della 22enne contenente il cellulare e i 15 euro che aveva nel portafogli.

La vittima dell'aggressione, cosciente, ha avvertito il capotreno che ha chiamato i carabinieri. I militari hanno subito cercato l'uomo in una palazzina abbandonata per lavori in corso all'interno dell'area della stazione e si sono diretti lì alla ricerca di un soggetto con un pantalone con le toppe e un cappellino giallo. Lo hanno trovato poco dopo nell'edificio dismesso: anche il cappello era a qualche metro di distanza impigliato tra rovi. L'uomo è in stato di fermo in attesa dell'udienza di convalida al tribunale di Milano. Ha precedenti per reati violenti e nel 2015 era già stato accompagnato alla frontiera in esecuzione di un ordine di espulsione dall'Italia.

Si terrà martedì l'udienza di convalida del fermo per il romeno irregolare e pregiudicato di 32 anni accusato di tentato omicidio e rapina. L'udienza, da quanto si è saputo, si terrà nel carcere milanese di San Vittore e il gip di Milano Maria Vicidomini, dopo l'interrogatorio, dovrà decidere sulla richiesta di convalida del fermo e sulla misura cautelare. 
Lunedì 21 Marzo 2016 - Ultimo aggiornamento: 23-03-2016 12:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA
  • 16,5 mila
QUICKMAP