Terrorismo, espulsi due tunisini: «Facevano propaganda all'Isis»

Due tunisini residenti in Sicilia sono stati espulsi oggi «per motivi di sicurezza dello Stato», con provvedimenti firmati dal ministro dell'Interno, Marco Minniti. I due avevano manifestato adesione allo Stato Islamico. Gli allontanamenti di soggetti gravitanti in ambienti nell'estremismo religioso salgono così a 36 nel 2017, 168 dal 2015.

In particolare, spiega il Viminale, si tratta di un 27enne cittadino tunisino, in Italia dal 2011 e residente a Scicli (Ragusa) con permesso di soggiorno, che era stato segnalato dai servizi di intelligence per aver tentato, in passato, di raggiungere la Siria, partendo dalla Francia, con il supporto di una filiera di reclutamento. Era stato, poi, dissuaso dai genitori che lo avevano convinto a rientrare in Italia. Nel novembre 2015 era partito dall'aeroporto di Catania per Istanbul, rientrando poco dopo dalla Turchia. Visto il suo profilo di «aspirante combattente», la sua posizione è stata valutata dal Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (Casa) nel gruppo tecnico che monitora il fenomeno dei foreign fighters "italiani".

A seguito di indagini dei Carabinieri, è stata confermata la sua adesione ideologica all'autoproclamato Stato Islamico, manifestata in siti di propaganda jihadista, mantenendo contatti sul web con utenti del suo stesso orientamento. Tra questi soggetti, prosegue il Viminale, è risultato anche un 31enne tunisino, in Italia dal 2007 e residente nel ragusano, titolare di permesso di soggiorno. Quest'ultimo si era attestato sulle stesse posizioni radicali del connazionale e aveva condiviso contenuti di propaganda jihadista tra i quali un video recante un appello in lingua araba a prestare giuramento di fedeltà al leader del Daesh. I due, destinatari del provvedimento di espulsione emesso dal ministro dell'Interno per motivi di sicurezza dello Stato, sono stati rimpatriati oggi con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma Fiumicino e diretto a Tunisi.
Giovedì 20 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 21-04-2017 10:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-04-21 08:31:41
fra poco tornerà con un barcone. hanno preso le impronte digitali ?
2017-04-21 05:55:06
E certo perchè basta essere dell'Isis per essere espulsi, invece gli stupratori, i ladri, gli assassini, i vandali, gli spacciatori e i prepotenti possono restare quanto vogliono giusto? Anzi più sono già noti alle forze dell'ordine e più sono liberi di fare i loro comodi ma posso dire che non se ne può più di tutto questo schifo?
2017-04-20 18:57:12
Solo due? tutti devono andare via. non ne possiamo piu'. io vorrei sapere quanta gente ci mangia con questi sbarchi continui e' uno schifoooooooooo
2017-04-20 18:08:16
E contemporaneamente mandate le navi della Marina militare e ancor peggio della Guardia Costiera, a prenderli a pochi metri dalle acque territoriali libiche e fate approdare nei NOSTRI porti le navi delle organizzazioni definentesi 'umanitarie' che invece di portarli nel porto del Paese più più vicino ( Tunisia o Malta ) li scariccano da NOI !: Basta con queste prese in giro agli Italiani! Deve succedere forse qualcosa di grave perché lo capiate , Sgovernanti che cominciamo a pensare un po' troppo interessati a questo problema ? Chi ci guadagna abbondantemente ormai lo sappiamo !
2017-04-20 16:49:52
Minniti sarà pure bravo, lo penso fermamente, ma sta svuotando il mare con un secchiello.
10
  • 106
QUICKMAP