Terremoto a Roma
avvertita scossa magnitudo 3.5

La cartina dell'Ingv con l'epicentro del sisma, segnato da una stella
ROMA - Alle 17.13 scossa di terremoto a Roma e ai Castelli di magnitudo 3.5 gradi Richter a 10 km di profondità, avvertita anche nei piani alti del centro della capitale. L'epicentro nel distretto sismico dei monti Cornicolani-Aniene. Alle ore 18.17 è seguita una replica di lieve entità: magnitudo 1.6. Gli esperti che seguono l'evoluzione del fenomeno escludono, per ora, l'ipotesi dell'avvio di uno sciame sismico, privilegiando quella di un episodio isolato, compatibile con la storia sismica dell'area.

La Protezione civile Regione Lazio fa sapere che sta monitorando l'evolversi della situazione nel territorio del distretto sismico Monti Cornicolani-Aniene. «La presidente Renata Polverini è stata subito informata ed è in contatto con la Sala operativa della Protezione Civile regionale. Al momento non risultano danni a cose o persone. Le squadre della Protezione Civile regionale sono state subito attivate per effettuare le opportune verifiche sul territorio interessato e sono pronte ad intervenire per qualsiasi evenienza». A muoversi è anche il sovrintendente ai Beni Culturali di Roma, Umberto Broccoli, che ha predisposto dei controlli sui monumenti della città. Il monitoraggio ha riguardato in particolare l'area archeologica dei Fori, il Colosseo, la Domus Aurea e tutte le preesistenze archeologiche che presentano fragilità. (Leggi qui).

Un episodio che, però, ha fatto piombare nel panico i romani, scesi in strada per mettersi al sicuro. In molti hanno lasciato l'ufficio, mentre molti altri si sono precipitati al telefono per chiamare parenti e amici ed avere rassicurazioni. Numerose anche le segnalazioni ai vigili del fuoco, tempestati di telefonate. A muoversi è stata anche la Sovrintendenza comunale che ha avviato le procedure del caso per fare una ricognizione dei monumenti. Il sisma è stato avvertito anche nella residenza estiva del Papa, a Castel Gandolfo, dove in questo periodo alloggia Benedetto XVI (Leggi qui).

Abitanti in strada all'Eur e Casilina.
Abitanti in strada in alcune zone dell'Eur e della Casilina: «Abbiamo sentito un grosso boato e poi la casa ha iniziato a tremare - racconta una residente di via Biancavilla sulla Casilina - Siamo scappati tutti in strada. Abbiamo avuto paura». Stesse scene anche in alcune strade dell'Eur dove gli abitanti per paura hanno preferito lasciare le abitazione e scendere in strada. Non si segnalano danni.

L'Ingv spiega: sono deboli attività vulcaniche dei Colli Albani

Tremano i Castelli. La scossa di terremoto è avvenuta a una profondità di 10 km, secondo il sito dell'Ingv. Le località prossime all'epicentro sono i comuni di Montecompatri, Colonna e Monte Porzio Catone. La scossa è stata avvertita in tutta la zona dei Castelli. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

Twitter arriva prima di tutti. Su Twitter e Facebook molti segnalano di avere sentito la scossa all'Eur, sull'Anagnina, San Giovanni, Garbatella, Casilina e Prenestina. «Il palazzo ha ballato per tre secondi» scrive Daniele A. su Twitter. «Io l'ho sentita a Roma Est» twitta un utente, mentre un alto afferma di averla sentita in zona Trastevere. «Una piccola scossa» sottolinea Sandro (Leggi qui).

Paura e richieste di notizie. Centinaia di chiamate sono arrivate al 115, principalmente dai quartieri a sud della capitale, a Monteporzio Catone e Velletri.
Lunedì 9 Luglio 2012, 17:23 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
0
QUICKMAP