Stupra in Spagna donna affetta da sindrome di Down, fermato a Milano

Un argentino di 50 anni è stato arrestato dalla polizia di Milano per una violenza sessuale commessa in Spagna ai danni di una donna affetta da sindrome di Down. Gli agenti della Divisione anticrimine hanno eseguito il mandato di arresto europeo emesso dalle autorità spagnole. Secondo quanto riferito, l'episodio avvenne in un centro per disabili dove l'uomo lavorava come inserviente.

L'arrestato si chiama Lorenzo Vasquez Hurtado, il mandato di arresto è stato emesso dalle autorità spagnole il 12 aprile 2017 ma è stato allargato all'area Schengen lo scorso 13 settembre. Le violenze sono avvenute tra il 2011 e il 2012 in una struttura di Barcellona che ospitava una donna affetta da sindrome di Down e disabile all'85%. A seguito dello stupro la donna è rimasta incinta ma la gravidanza si è interrotta poco dopo. Il dna prelevato dal feto ha consentito di identificare senza dubbio Hurtado, che in quel periodo lavorava come inserviente. L'uomo è scappato dalla Spagna ed è riapparso in Italia solo nell'aprile 2016, quando è stato fermato per un controllo in autostrada. Gli investigatori della sezione Anticrimine non avevano una sua foto, sono partiti dall'indirizzo che aveva fornito in quella occasione. Un appartamento in zona via Padova dove abitavano in realtà suoi conoscenti. Gli agenti hanno sparso la voce che c'erano dei documenti da verificare e che sarebbe stato importante che Hurtado si presentasse in commissariato per risolvere le pratiche. Il ricercato è caduto nella trappola ed è stato arrestato.
Venerdì 22 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 23-09-2017 16:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-09-22 18:34:03
Un essere abbastanza nocivo questo qui: approfittarsi di una donna down metterla incinta e poi da grande eroe fuggire.Ridatelo subito alla Spagna che lo stanno aspettando a braccia aperte.
2017-09-22 16:47:56
Che squallido essere umano.
2017-09-22 14:48:24
Molto probabilmente l’argentino - pentitosi - è venuto in Italia per confessarsi e farsi assolvere dal suo connazionale che risiede in Vaticano.
2017-09-22 11:58:45
Ci si domanda sempre a che titolo certe persone siano sul territorio nazionale. Uno stato sovrano e soprattutto serio, controlla l'ingresso e la permanenza delle persone che non sono cittadini. Qui entrano tutti e rimangono come è quanto gli pare, si danno permessi di soggiorno a pioggia, senza un criterio, che dovrebbe essere legato ESCLUSIVAMENTE a motivi di studio e di lavoro, DA DIMOSTRARE CON DOCUMENTI. E basta con i permessi UMANITARI che non hanno senso, visto che ci si attiene al racconto del soggetto che millanta le cose più assurde.
2017-09-22 10:03:32
Queste sono notizie che andrebbero pubblicate nella rubrica ... " Come domare bestie in libertà".
6
  • 1,1 mila
QUICKMAP