Cassazione, con l'sms dell'amante la separazione è con addebito

Gli sms dell'amante sono la "pistola fumante" del tradimento e sono più che sufficienti a suffragare la richiesta di separazione con addebito a carico del coniuge che è venuto meno al dovere di fedeltà. Lo sottolinea la Cassazione (sentenza 5510 depositata oggi) che ha confermato la decisione della Corte di Appello di Milano che, occupandosi della separazione di una coppia bene del capoluogo lombardo, «ha giustificato l'addebito per la violazione dell'obbligo di fedeltà, in ragione della scoperta, nel novembre 2007, di messaggi amorosi pervenuti sul cellulare» del marito, Enrico C., e scoperti e letti attentamente dalla moglie, Fabrizia V.

Senza successo, il fedifrago ha cercato di sostenere che il matrimonio era traballante già da anni e che la scoperta della sua relazione extra aveva solo «aggravato una crisi coniugale presente da tempo». La Cassazione gli ha obiettato che nella coppia c'era già stata una «riconciliazione» nel 2002, anno del riavvicinamento e della nascita dell'ultima figlia, e che a far venire meno la ritrovata unità era stata proprio la «scoperta dell'infedeltà» appresa nel 2007 da Fabrizia che, per caso o deliberatamente, aveva deciso di dare un'occhiatina al cellulare di Enrico.

Ora l'ex marito deve versarle duemila euro al mese di mantenimento, e tremila euro al mese per il mantenimento dei tre figli, oltre al pagamento totale delle spese straordinarie concordate tra le parti. Per la conflittualità dei due genitori, i due figli ancora minori sono stati affidati al comune di Milano con collocamento presso la madre. 



 
Lunedì 6 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-03-2017 08:25

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-03-07 10:33:13
sr.pococurante 21:51 Sono d'accordissimo con lei. Ce n'e' tanta nel mondo ..... ma tutta uguale. Glielo dice uno che non si e' sposato in Italia e vive dall'altra parte del mondo.L'unico modo per vivere spensierati e liberi come il vento e' quello di starsene da soli.A lungo andare forse si avverte la solitudine ma chi se ne frega!!!
2017-03-07 12:13:07
Le risponde uno che non si è mai sposato e vive, per gran parte dell'anno, a 12.000 km a sud dell'Italia. La solitudine non è mai stata un problema. Se si vuole compagnia ce n'è tanta... A proposito di età: ho spento 62 candeline. Saluti e mi stia bene.
2017-03-07 04:46:21
Paoluccio 46 ore 18:30 I matrimoni son gia' al minimo storico e fra gli uomini che decidono di farlo, la grande maggioranza non vuole figli perche' in caso di divorzio il poveretto a prescindere di chi sia la colpa, verra' costretto a sborsare circa 8000 euro l'anno alla sua ex che si godra' i figli nella casa del marito e glieli fara' vedere solo quando lo vorra' lei.Il poveretto, invece, verra' estromesso da casa sua e sbattuto in una roulotte o chissa' dove.Posso citare decine di questi casi fra amici e conoscenti.La cosa grave e' che queste leggi sono state votate anche da noi maschietti.La classica zappa sui piedi.Meno male che con i musulmani in Europa la situazione cambiera' e fra alcuni decenni saranno gli uomini a vivere in casa con i figli e le donne nelle roulotte.Peccato che mi e' rimasto poco da vivere per poterlo vedere!!!!
2017-03-07 00:35:10
La prossima volta stava a posto suo..si è divertito?e ora tocca alla moglie cn in tasca un bel gruzzoletto..mi dispiace solo x figli..cmq ha distrutto una famiglia.
2017-03-06 21:51:23
Ai giovanotti, un consiglio spassionato : non fatevi incantare, NON sposatevi, specialmente in Italia! Rischiate di accollarsi un mutuo a perdere inestinguibile e rovinarvi la vita. Ce n'è tanta nel mondo...
14
  • 340
QUICKMAP