Internet è un luogo minaccioso per il 40% dei ragazzi

Sono nativi digitali, ma per quasi metà di loro il web è un luogo minaccioso, dove c'è il rischio di incontrare malintenzionati e di essere vittime di cyberbullismo. E non sono solo timori: 6 ragazzi su 10 dicono di aver avuto esperienze negative durante attività di streaming online. Sono i risultati della ricerca effettuata da Sos Il telefono Azzurro insieme a Doxa kids su oltre 1000 giovanissimi, presentata questa mattina a Milano in vista del Safer Internet Day di domani.

Tra i rischi del web i ragazzi mettono al primo posto quelli legati alla sfera sessuale: il 44% dei giovanissimi tra i 12 e i 14 anni teme di incontrare malintenzionati, il 29% di fidarsi troppo di qualcuno online, il 19% di ricevere richieste di invio di foto o video. Al secondo posto la paura della violenza: il 38% degli adolescenti tra i 15 e i 18 anni teme il
cyberbullismo, mentre il 32% dei bambini dai 12 ai 14 anni non vorrebbe leggere frasi volgari o violente. I ragazzi sono consci anche dei rischi legati al condividere contenuti personali: il 23% dei 15-18enni teme l'utilizzo dei propri dati senza consenso.

Ma anche le fake news sono una preoccupazione sentita dal 26% dei ragazzi dai 15 ai 18 anni, soprattutto in ambito salute visto che nel 21% dei casi vengono diffuse notizie diverse e discordanti in merito allo stesso tema, oppure
informazioni che poi si rivelano false o inutilmente «terrorizzanti». Un terzo degli adolescenti acquista giochi online e dedica al web più di due ore al giorno, tra utilizzo della rete e gaming; nella fascia 8-11 anni lo fa oltre il 20%.

I dati provenienti dalla linea di ascolto 1.96.96 guidata da Telefono Azzurro confermano le paure degli adolescenti con la gestione di un caso al giorno (323 casi) riconducibile a problematiche relative a internet. Nel 2017 gli psicologi e gli operatori dell'associazione hanno offerto sostegno su disagi legati a cyberbullismo (33%), sexting (18%), atti autolesivi e suicidio (13%), grooming (7%), pedopornografia online (5%), informazioni su Internet (10%), dipendenza da internet (4%).

«Oggi il nostro impegno, unitamente a istituzioni, governi, aziende e società civile, dovrà essere non un impedimento alla vita »social« ma al contrario - ha detto Ernesto Caffo, presidente di SOS Telefono Azzurro - un'adeguata e precisa programmazione di azioni intente a rafforzare la sicurezza in rete, perché tutto possa essere usato e usufruito correttamente».

Per questo Telefono Azzurro chiede alle aziende di condividere la Carta di Milano per la dignità dei bambini e degli adolescenti nel mondo digitale, che oggi è stata firmata e rilanciata dall'assessore comunale Roberta Cocco in un appuntamento cui hanno preso parte anche i ragazzi del Collegio San Carlo e dell'I.C. Cinque Giornate di Milano, le cui riflessioni sono diventate degli instant video grazie alla collaborazione con Giffoni Experience.
Lunedì 5 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 07-02-2018 18:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-05 20:02:11
mi pare la scoperta dell'acqua calda. E cio' accade soprattutto nei social dove illegalitĂ , volgaritĂ  e inciviltĂ  regnano sovrane. Si permette di tutto, insulti pesanti, minacce, bullismo mediatico, bestemmie, truffe assortite nei mercatini virtuali. E nessuno censura, tutto permesso, tutto libero, vietato vietare in nome della peggiore inciviltĂ  spacciata per libertĂ . Mi chiedo cosa apportino le schifezze che ho citato al civile dialogo e alla socializzazione sana
QUICKMAP