Ripa di Meana, il ricordo di Rino Barillari​: «Con lei era sempre Dolce Vita»

di Paolo Travisi
«Marina Ripa di Meana era la stella della Dolce Vita». Per Rino Barillari, il king dei paparazzi, il ricordo è limpido come se parlasse di ieri sera, gli occhi lucidi, un altro pezzo della sua Dolce Vita si allontana. Nessun dubbio. La donna che ha animato per anni i salotti romani e che oggi ha lasciato questa vita, è stata l’anima di un periodo storico e di costume, nato sulla scia del film di Fellini. E come sempre, negli anni Sessanta come oggi, Barillari è pronto, macchinetta fotografica alla mano, per fare il suo lavoro. Fotografare e raccontare. Sotto l’elegante palazzina nel quartiere Prati a Roma, residenza di Marina Ripa di Meana, Barillari è uno dei primi ad arrivare. «Era una delle donne più belle che la notte poteva avere - ci confida - brillava, gentilissima, una donna straordinaria, tra le più belle di via Margutta (la via dei pittori e di Federico Fellini)».



La Dolce Vita, tra le strade di via Veneto, i locali del centro, ristoranti e night, cazzotti veri o finti, champagne e flash rotti, minigonne e spider. Stelle del cinema mondiale e tanti signor nessuno in cerca di uno scatto. Rino Barillari ha vissuto tutto questo. Ieri. Oggi è malinconia e Amarcord (torna Fellini). «Principi, nobili, con lei era sempre Dolce Vita, ma una sera del ’68, a Roma lanciavano le molotov e lei, insieme ad una sua amica, sfidando freddo (e le proteste), mi mostrò la sua gamba con la giarrettiera. Quella foto fece il giro del mondo e Marina Ripa di Meana la raccontò nel suo libro» prosegue ancora il paparazzo. Una sera tra tante. «Una donna che portava allegria a tutti, anche stasera mi hanno detto. Con un velo nero, distesa sul letto, era splendida, raggiante e bella» dice ancora Barillari che tra i tanti rullini consumati su di lei, fatica a ricordare il primo scatto, la prima paparazzata. «Non era sempre facile, spesso recitava, si nascondeva, ma conosceva il mestiere del fotografo». Il rispetto di chi conosceva la durezza della vita, nonostante salotti, feste e bollicine di prosecco. Calabrese di nascita, adottata da Roma, cosa lascia Marina Ripa di Meana a questa città? «Nonostante la malattia, lunga molti anni, l’ho vista l’ultima volta circa otto mesi ed era tranquilla, sorridente». Per questo Barillari, ancora una volta non ha dubbi, «a Roma oggi manca la stella della Dolce Vita».
 
Venerdì 5 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 06-01-2018 11:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-01-06 07:36:00
Il "king" dei paparazzi. .
2018-01-06 06:30:16
Ovvio sempre dolce vita, gente che non ha mai lavorato ha goduto dei suoi privilegi a vita, sempre al top....mica come i poveracci che devono alzarsi a lavorare alle 4 di mattina e tornano stracchi la sera....e ha continuato a non fare nulla tutta la vita...se n'e' andata come tutti noi a lei se la ricordano a noi chi ci si ricordera' mai?
2
  • 791
QUICKMAP