seguici su Google+ RSS
Venerdì 22 Agosto - agg.1:38
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Regala al figlio coca-party per i 18 anni: «Che male c'è?»

di Giuseppe Crimaldi

«Brigadiè, ma mo’ che fate, veramente mi volete arrestare?». Solo alla fine ha capito, sebbene pare che ancora non si sia reso conto del guaio fatto, ma soprattutto della gravità dell’azione commessa. Andare ad acquistare e girare in macchina con 22 grammi di cocaina è un reato che costerà molto caro a Pietro Ciotola. Il padre che voleva “fare la festa” al figlio per celebrare i 18 anni con un party a base di droga e minorenni è sbiancato tutto ad un tratto, quando si è reso conto che lo avrebbero portato a Poggioreale.

Dopo aver cercato di sfuggire a un posto di blocco, per tutto il periodo in cui è stato trattenuto in una stanza del commissariato di Scampia dove gli agenti che lo hanno catturato lo hanno interrogato, Ciotola ha ostentato sicurezza e quasi arroganza. «Embè? Che ho fatto di male? Se anche fosse vero quello di cui mi accusate, che c’è di male? Quella roba era per uso personale, mica la spaccio, io…», ha detto più volte. Un atteggiamento che ha lasciato di stucco gli investigatori.

Ma la vera domanda è un’altra. Perché Ciotola – che di mestiere fa l’operaio ed è incensurato – ha acquistato tanta cocaina? E, visto che in macchina si accompagnava al figlio e a tre ragazzine minorenni, con chi aveva deciso di passare una notte da sballo? Chi avrebbe realmente partecipato a quel festino? Il tentativo maldestro di disfarsi del sacchetto con lo stupefacente, pagato peraltro ben 500 euro, non lo ha salvato dalla galera. Vicenda dallo spaccato inquietante anche rispetto alle poco più che bambine trovate sul sedile posteriore della macchina bloccata dalla polizia. Hanno 13, 14 e 15 anni. Altro interrogativo: i loro genitori sapevano? Non è chiaro nemmeno se l’intento fosse quello di farle partecipare allo “sballo”, anche se tutto lascia presumere che così fosse. Ora le indagini sono dirette a scovare lo spacciatore, che in fondo è il solo ad essersi fregato le mani per l’affarone combinato nella notte tra sabato e domenica scorsa.

Martedì 12 Marzo 2013 - 10:18
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Brad, scalatore, fino in cima per chiedere alla sua Jainee di sposarlo: al ritorno precipita e muore

Doveva essere uno dei giorni più belli della loro vita, ma si è trasformato in un dramma.

Iraq, paura per le ragazze italiane «Greta e Vanessa nelle mani dell'Isis»

Sono una ventina gli ostaggi occidentali in mano all'Isis, lo Stato Islamico dell'Iraq e del...

Paura a Roma, un uomo tenta di rapire bimba. I passanti intervengono e lo fanno arrestare

Una bimba di due anni nelle braccia di uno sconosciuto che tenta di rapirla in pieno giorno all'Appio.

Il marito la tradisce: lei uccide il figlio e si spara: «L'ho fatto per vendetta»

Gli spari nella notte, la corsa verso la stanza del figlio e un solo rimpianto che si porterà per...

Tornata a casa la 17enne fuggita. «Vi ho fatto soffrire, perdonatemi». La mamma: «Scoperto cose inquietanti»

«Mamma apri, sono Ginny». C'è un volto speciale per le donne che hanno perso lo...

CASA
Semplificazione amministrativa per pensioni ex Inpdap e ex Enpals
Procedure unificate, sistemi di pagamento allineati a quelli Inps
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009