seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Domenica 20 Aprile - agg.0:06
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Regala al figlio coca-party per i 18 anni: «Che male c'è?»

di Giuseppe Crimaldi

«Brigadiè, ma mo’ che fate, veramente mi volete arrestare?». Solo alla fine ha capito, sebbene pare che ancora non si sia reso conto del guaio fatto, ma soprattutto della gravità dell’azione commessa. Andare ad acquistare e girare in macchina con 22 grammi di cocaina è un reato che costerà molto caro a Pietro Ciotola. Il padre che voleva “fare la festa” al figlio per celebrare i 18 anni con un party a base di droga e minorenni è sbiancato tutto ad un tratto, quando si è reso conto che lo avrebbero portato a Poggioreale.

Dopo aver cercato di sfuggire a un posto di blocco, per tutto il periodo in cui è stato trattenuto in una stanza del commissariato di Scampia dove gli agenti che lo hanno catturato lo hanno interrogato, Ciotola ha ostentato sicurezza e quasi arroganza. «Embè? Che ho fatto di male? Se anche fosse vero quello di cui mi accusate, che c’è di male? Quella roba era per uso personale, mica la spaccio, io…», ha detto più volte. Un atteggiamento che ha lasciato di stucco gli investigatori.

Ma la vera domanda è un’altra. Perché Ciotola – che di mestiere fa l’operaio ed è incensurato – ha acquistato tanta cocaina? E, visto che in macchina si accompagnava al figlio e a tre ragazzine minorenni, con chi aveva deciso di passare una notte da sballo? Chi avrebbe realmente partecipato a quel festino? Il tentativo maldestro di disfarsi del sacchetto con lo stupefacente, pagato peraltro ben 500 euro, non lo ha salvato dalla galera. Vicenda dallo spaccato inquietante anche rispetto alle poco più che bambine trovate sul sedile posteriore della macchina bloccata dalla polizia. Hanno 13, 14 e 15 anni. Altro interrogativo: i loro genitori sapevano? Non è chiaro nemmeno se l’intento fosse quello di farle partecipare allo “sballo”, anche se tutto lascia presumere che così fosse. Ora le indagini sono dirette a scovare lo spacciatore, che in fondo è il solo ad essersi fregato le mani per l’affarone combinato nella notte tra sabato e domenica scorsa.

Martedì 12 Marzo 2013 - 10:18
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
Lavorava in Germania Dopo 42 anni «Ecco la pensione»
CHIETI - Lavora per pochi mesi alla Siemens di Monaco e, 42 anni dopo, gli...
GUARDA TUTTE LE NEWS DELL' ABRUZZO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Prende guardia giurata in ostaggio per rapinare cassa continua, ucciso da un carabiniere a Circonvallazione Aurelia

Tragico tentativo di rapina stamattina alle 7.30, sulla Circonvallazione Aurelia 21, a Roma,

Napolitano, ipotesi di addio anticipato: dimissioni entro fine anno

E' un bilancio in agrodolce, in cui pesano fattori contrastanti, quello che traccia Giorgio Napolitano...

Bonus Irpef da 80 euro, rinvio per gli incapienti e le partite Iva

Alla fine l'operazione "80 euro" è tornata alla sua fisionomia originale, quella che...

Uomini ossessionati dalle dimensioni del pene: Milano "capitale" degli interventi

Milano è diventata la capitale della penoplastica. Una media di 20-30 interventi al mese e un record...

Fisco, giù l'Irap e stretta sulle rendite finanziarie

Alleggerimento dell'Irap, pur se in misura parziale per quest'anno e piena (dieci per cento) dal...

CASA
Pensioni nel 2014, cresce l'età delle donne
Si allontana il congedo. Nel 2017 pareggio anagrafico tra i due sessi
Case sfitte, quando e perché si paga l'Irpef
La tassa è dovuta per alloggi vuoti nella città di residenza
Guida alla Tasi, prima rata a giugno
Presto le aliquote decise dai Comuni. Il saldo entro il 16 dicembre
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009