«Buon Natale maledetti poliziotti»: e posta la foto di un agente morto in un incidente stradale

di Marco De Risi
«Buon Natale maledetti poliziotti»: il messaggio campeggia su facebook sopra la foto di un'auto della polizia completamente distrutta in un incidente avvenuto da pochi minuti. Siamo sull'A1, all'altezza di Piacenza Nord. Nel terribile schianto contro un tir, uno degli agenti a bordo della volante, Giuseppe Beolchi, ha perso la vita.



M.B. (queste le iniziali dell'autore del vergognoso post) probabilmente viaggia nella carreggiata opposta quando intravede le lamiere bianche blu accartocciate, prende il cellulare e scatta per poi esultare per la tragedia sul social network, con tanto di macabra e blasfema preghiera: «Maria piena di grazia, fai che quel poliziotto muore».

La polizia postale ha rimosso il post dal social e ha individuato M.B. anche grazie alle tantissime segnalazioni arrivate sul profilo facebook della polizia "Agente Lisa".Si stanno ora valutando eventuali ipotesi di reato di cui potrebbe dover rispondere. 
Mercoledì 20 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2017-12-21 12:25:57
Condoglianze alla famiglia di questa persona che ha perso la vita nell'adempimento del suo dovere. Per l'omucolo che ha postato la foto, solo disprezzo......
2017-12-21 11:18:50
A molti sfugge il vero significato del messaggio lasciato su Facebook da questo signore che molto probabilmente, anzi direi al 100% non conosceva il povero poliziotto deceduto e quindi la sua invettiva non era diretta al poliziotto in questione ma ad una situazione che negli anni si è creata in Italia dove il cittadino si sente spesso nemico dello stato, ce ne sono molti che per svariati motivi hanno vissuto ingiustizie ed allora hanno perso la fiducia nei confronti di una democrazia sempre meno democrazia ed una repubblica sempre meno repubblica, ed identificano alcune categorie come lo stato da combattere. Ai nostri governanti fa comodo una società dove tutti sono contro tutti, perchè loro in questo modo possono operare più facilmente, pensate ad un popolo unito quale forza potrebbe avere. Allora da una parte si deve biasimare il concittadino ma dall'altra bisognerebbe chiedergli da dove nasce questo acredine, cioè in fondo bisognerebbe capire il vero motivo che lo ha spinto a inveire contro il povero poliziotto. Le strade mietono troppe vittime, i controlli sono insufficienti per rendere sicure le strade, ma ognuno di noi può e deve fare la propria parte senza necessariamente il bisogno del controllo da parte dello stato, in poche parole basterebbe rispettare il codice della strada e vedremo calare drasticamente le vittime della strada.
2017-12-21 12:03:15
Mi fa più orrore leggere commenti come il suo che come quello dell'imbecille su facebook. Il solo pensiero di voler comprendere il perché sembra avere le caratteristiche della giustificazione. Sono stati i cattivi maestri, sono solo compagni che hanno sbagliato, è colpa della società. In Italia nessuno è più responsabile di niente, E' sempre colpa di qualcun altro.
2017-12-22 12:38:52
decibeL:lei dovrebbe solo vergognarsi.
2017-12-21 11:09:08
Ipotesi di reato? Anche se non ci fosse, andrebbe inventato di sana pianta questo reato. Per punire questo deficiente dei centri sociali.
31
  • 24,7 mila
QUICKMAP