I penalisti: «Sistema inefficiente, scioperiamo ancora»

Toghe in aula
«Siamo noi avvocati che spieghiamo a imputati, parti civili e testimoni le ragioni per cui ogni giorno nel nostro paese un numero crescente di processi si rinviano per le ineficienze del sistema». A parlare, per difendere il nuovo sciopero proclamato a partire da domani e respingere le accuse lanciate dall'Anm di Milano, è l'Unione camere penali. L'associazione delle toghe milanesi aveva definito eccessive le astensioni dei penalisti in questi ultimi mesi.

I danni, dicono i rappresentanti dell'associazione, vengono dalle inefficienze del sistema, non dal nuovo sciopero (che parte domani): «Un danno quotidiano incommensurabilmente e straordinariamente più grave di quello davvero risibile derivante dai pochi giorni di astensione indetti da Ucpi. Strano davvero che l'Anm milanese si accorga solo di questo accusando l'avvocatura di un disastro che certo non gli appartiene e che le nuove regole del processo introdotte con il ddl renderanno irreversibile».
Luned├Č 17 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-07-2017 14:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-07-18 08:35:51
I penalosti sono i pri mi responsabili dei ritardi della giustizia. Ormai non c'e' causa che si risolve alla prima o seconda udienza, come nei Paesi civili. Rinvii concordati con i giudici, assenze immotivate e non perseguite, tempi troppo generosi per la produzione delle prove, ecc. Siamo ridicoli anche in questo!
QUICKMAP