Milano, fece esplodere palazzina: Pellicanò condannato all'ergastolo

Giuseppe Pellicanò, accusato di devastazione e strage per l'esplosione di una palazzina in via Brioschi a Milano, è stato condannato dal gup Chiara Valori all'ergastolo. La sentenza, al termine del processo celebrato con rito abbreviato, riconosce l'impianto accusatorio e le responsabilità del pubblicitario che, quando svitò il tubo del gas nella cucina dell'appartamento, causò lo scoppio nella palazzina e la morte dell'ex compagna Micaela Masella e dei vicini di casa, una coppia di giovani fidanzati marchigiani Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi. Le due figlie di Pellicanò rimasero ferite nell'esplosione del 12 giugno 2016.
 

Il giudice ha riconosciuto l'imputato colpevole per entrambi i reati, ha escluso l'aggravante dei futili motivi, e - nella sentenza letta a porte chiuse - non ha tenuto conto della perizia relativa alla semi infermità. La perizia psichiatrica d'ufficio ha accertato un vizio parziale di mente a causa di una forma di depressione. Le motivazioni saranno depositate entro 60 giorni.  Pellicanó, presente in aula, ha assistito impassibile alla sentenza.

L'uomo avrebbe agito per gelosia: non accettava la fine della relazione con la madre delle sue bimbe. Per lui il giudice ha deciso la decadenza della podestà genitoriale.  La sentenza di fatto accoglie il pieno la tesi accusatoria: il pm Elio Ramondini aveva chiesto l'ergastolo sottolineando di non tener conto della perizia psichiatrica, sostenendo che l'imputato «ha continuato a dire tante bugie» e si è «protetto con un materasso» durante l'esplosione della palazzina in via Brioschi senza proteggere la figlia piccola che era accanto a lui. 

Era stato il pm Elio Ramondini a chiedere l'ergastolo sottolineando che non solo quella notte, tra l'11 e il 12 giugno dello scorso anno, il pubblicitario milanese aveva provocato lo scoppio della palazzina uccidendo tre persone e ferendo anche le figlie, ma poi «ha continuato a dire tante bugie per rimanere impunito». Giorni dopo l'esplosione, il 54enne era stato arrestato e aveva confessato di avere svitato il tubo del gas della cucina quella notte causando la deflagrazione avvenuta la mattina.

Difeso dai legali Giorgio Perroni e Francesco Giovannini, però, Pellicanò aveva spiegato di ricordare solo per fotogrammi quanto aveva fatto, anche a causa degli «psicofarmaci» contro ansia e insonnia che prendeva abitualmente dopo la separazione dalla compagna, Micaela Masella. L'uomo continuava a vivere nella casa con lei (che stava per trasferirsi con il nuovo compagno) e le due bambine di 7 e 11 anni.

Dagli accertamenti era emerso che quando Micaela Masella, appena alzata, chiuse la valvola dell' impianto della cucina, dopo essersi accorta della fuga di gas, con il suo «gesto» evitò «conseguenze anche peggiori» perché se non l'avesse fatto a seguito della deflagrazione avrebbe potuto svilupparsi anche «un incendio». Una perizia psichiatrica, disposta dal gip, aveva messo in luce un vizio parziale di mente dell'imputato dovuto alla sua depressione: la «strage», scrissero i periti, era diventata la «soluzione», «l'unica via d'uscita per la sua disperazione».

Ciò dopo aver «tentato tutte le vie che si riusciva a prefigurare: l' accesso a numerosi professionisti, l'assunzione di farmaci, le progettualità di una vita diversa, il ricorso al conforto degli amici». Il giudice, tuttavia, condannandolo all'ergastolo non ha riconosciuto come valida la seminfermità mentale di cui si parla nella perizia. Nella scorsa udienza i genitori della coppia di fidanzati uccisi avevano depositato una lettera: «I nostri ragazzi vittime indirette di un conflitto maturato in un circuito domestico di cui erano totalmente estranei sono innocenti in senso assoluto».
Luned├Č 19 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-06-2017 16:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-06-19 15:19:56
ergastolo vero o all'italiana?
2017-06-19 19:13:05
Appunto. Gia' il rito abbreviato in genere e' una scappatoia con cui i colpevoli senza ombra di dubbio sperano in uno sconto significativo sulla pena. Ma qui siamo al primo grado. Vuoi che fino alla cassazione un po' di attenuanti, sconti non si trovino ? Tra buona condotta e indulti tra 10 anni e' gia' a spasso
2017-06-19 14:48:50
Km mai i sig. giudici dp tanto buonismo si accorgono adesso ke la giustizzia e la legge vanno ftt rispettare?
2017-06-19 16:12:48
La gente onesta non ne pu├▓ pi├╣, il vento sta cambiando. Bene!
2017-06-19 18:10:55
Ci vogliamo lamentare pure di questo? Ps: ma scrivere i post in itaGliano te fa troppa fatica? Parli come un codice fiscale!
5
  • 8
QUICKMAP