Banca Etruria, papà Boschi agli ispettori: «Dagli uffici le carte false alla Consob, io non sapevo»

di Valentina Errante
Da un lato Pier Luigi Boschi, ex vicepresidente di Etruria che, come gli altri componenti del cda, scarica sui manager della vecchia Banca ogni responsabilità, sostenendo di non avere avuto alcun ruolo nel falso in prospetto che avrebbe ingannato i risparmiatori sulle obbligazioni emesse da Bpe e poi azzerati. Dall'altro, il procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, che giovedì, in Commissione banche, a microfoni spenti, ha replicato alle domande dei parlamentari sulle responsabilità di Boschi, indagato per falso in...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 6 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA

QUICKMAP