Ostia, una task force per la guerra dei clan. Gabrielli: «Non serve l'esercito»

di Sara Menafra e Raffaella Troili
Spostare agenti proprio nella zona considerata più pericolosa e sensibile della capitale. E muovere verso Ostia anche funzionari e graduati che abbiano maggiori capacità investigative a partire, quindi, dal rafforzamento della presenza degli uomini della Squadra mobile per indagare su sparatorie ed intimidazioni che sembrano avere tutte le caratteristiche di una vera e propria guerra tra clan per conquistare pezzi di un territorio che fa gola a molti. La riunione di ieri mattina a palazzo Valentini tra il prefetto, Paola...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 28 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-11-29 19:12:31
Se si abolisse il contante, e si rendessero tracciabili tutti i pagamenti, per questi "signori sarebbe la fine
2017-11-28 08:53:27
mi domando, perché non vogliono l'esercito? ma se lo paghiamo, perché non utilizzarlo?
2017-11-28 08:37:03
non serve l'esercito ma basta cambiare le regole di ingaggio per le forze dell'ordine che hanno le mani legate e rischiano la pelle e i politicanti stanno in panciolle e si riempiono la bocca con la parola democrazia.
3
  • 88
QUICKMAP