Olimpiadi della cultura le scuole di provincia beffano i grandi istituti

di Lorena Loiacono
ROMA Piccoli genietti alle prese con vocabolari e calcolatrici e con un talento per lo studio, tutto da valorizzare e riconoscere. Come le loro scuole di provenienza, spesso sconosciute.  Sono loro, gli studenti che ogni anno vengono premiati dal ministero dell’Istruzione dopo aver vinto prove regionali e nazionali. Per poi salire sul podio, quello delle Olimpiadi. E con loro vincono anche i loro docenti e le loro scuole. Con il merito di aver preparato a dovere i ragazzi, facendo emergere una passione innata.  LE...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Luned├Č 19 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 20-12-2016 12:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-12-19 12:11:46
il ministro disistruito dovrebbe avere il coraggio di dimettersi essendo diventata lo zimbello degli studenti e degli insegnanti che dovrebbe dirigere e la vergogna della compagine governativa,
2016-12-19 10:44:08
Sono loro che salvano la Scuola, non i Ministri o le Ministre...
2
  • 18
QUICKMAP