Il business nozze false per avere la cittadinanza: solo a Roma 30 unioni combinate

di Michela Allegri
ROMA Lo scambio delle fedi, la firma dei testimoni. La registrazione delle nozze, le notti passate sotto lo stesso tetto solo in attesa della visita dei poliziotti della Questura. Poi, ognuno per la sua strada: la sposa, italiana, con poche centinaia di euro in tasca, e lo sposo, straniero, con un permesso di soggiorno regolare che, trascorsi cinque anni senza intoppi, potrebbe trasformarsi addirittura in cittadinanza. È il business dei falsi matrimoni per regolarizzare la condizione di migliaia di stranieri clandestini. Business,...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 18 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 19-06-2017 00:29
QUICKMAP