«È finita, siamo morti». Noemi, i genitori del 17enne scoprono la confessione del figlio a "Chi l'ha Visto?"

Noemi,
Nella prima puntata della stagione, "Chi l'ha Visto?" affronta per primo il caso di Noemi Durini, la ragazza di 16 anni di Specchia, nel Leccese, scomparsa dieci giorni fa e trovata morta in un campo a Castrignano del Capo. Ieri il fidanzato ha ammesso di averla uccisa. Durante la trasmissione è andata in onda l'intervista ai genitori del 17enne che apprendono in diretta della confessione del figlio. «Le voglio dire quello che sta uscendo in questo momento - dice la giornalista di RaiTre alla madre del giovane -. Hanno trovato la ragazza (pausa mentre il padre esclama 'bene, sono contento'), morta (altra pausa della giornalista) e Lucio ha confessato». A quel punto il microfono e la telecamera registrano la reazione scomposta dei genitori. Grida, accuse. «Ora siamo morti, contenti?», urla la madre, accasciandosi su un tavolo e nascondendo la testa tra le braccia. 


Il servizio ha sollevato polemiche in Rete. «Scusate ma avete un pò esagerato eh. Queste scene anche no», si legge su twitter. Sotto accusa la scelta del programma condotto da Federica Sciarelli di mandare in onda le immagini. La giornalista «doveva smettere di riprendere e il pezzo non doveva essere trasmesso». Si invoca la «deontologia professionale» contro quella che viene definita «pornografia del dolore».

Il padre del ragazzo è coinvolto nelle indagini per complicità (sequestro e occultamento di cadavere). Noemi era scomparsa da casa il 3 settembre scorso: l'ultima sua immagine è stata catturata da una telecamera di sorveglianza e risale alle 5 del mattino di quel giorno. Si vede una Fiat 500 bianca sulla quale sale e alla cui guida si trova il fidanzato 17enne che oggi, a 11 giorni dalla scomparsa della ragazzina, ha confessato l'omicidio. Nell'immagine si vede l'utilitaria arrivare e fermarsi in via San Nicola, a Specchia, a poche centinaia di metri da casa della giovane. A bordo ci sono i due fidanzati, con il 17enne al volante della vettura intestata alla madre. 
   
 


 
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 16-09-2017 12:39

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-09-15 17:34:49
Gentile signora rita64 i poveretti come li chiama lei non sono i genitori dell'assassino, ma di Noemi. La giornalista ha fatto benissimo a dire in faccia ciò che già sapevano, vale a dire che noemi era stata uccisa. Non invoco la pena di morte ma finiamola di fare i politicamente corretto.
2017-09-15 12:08:14
Meno male che c'è la Sciarelli. Col conformismo ben pensante imperante in Italia ci manca pure che ci dobbiamo preoccupare di tutelare l'immagine pubblica di persone che pare siano pure coinvolte in un assassinio atroce. Hanno fatto quello che era giusto, erano a intervistare il padre dell'assassino e ne hanno ripreso la reazione. Da quest'ultima, a mio parere, si capisce che sapevano perfettamente. Grazie "chi l'ha visto".
2017-09-15 08:15:12
La solita fanfara che a da magna'
2017-09-14 19:34:34
Mancanza di deontologia e di etica professionale. Trasmettere il dolore dei genitori alla notizia che loro figlio è un assassino non credo che sia né giornalismo né servizio pubblico. Il buon senso richiederebbe le scuse ai telespettatori e le dimissioni. Non vedrò mai più questo programma
2017-09-15 09:49:13
Io sono orgoglioso di non averlo mai visto, soprattutto per la presenza della conduttrice, la cui arroganza e la totale mancanza di sensibilità, rendono il programma inguardabile.
12
  • 2,8 mila
QUICKMAP