Migranti, Anm contro Orlando: «Boom del contenzioso sull'asilo»

Un gommone carico di migranti durante un salvataggio
«Un intervento urgente» per l'aumento delle piante organiche dei tribunali sede delle sezioni specializzate in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Ue istituite dalla legge 46 del 2017 e delle relative procure della Repubblica «investite dalla necessità di emettere un parere in relazione all'aumentato numero di ricorsi», è stato chiesto oggi dalla Giunta esecutiva centrale dell'Associazione Nazionale Magistrati. La Giunta ha espresso «forte preoccupazione per la situazione nella quale versano le sezioni specializzate in materia di immigrazione» a causa dell' «aumento esponenziale del contenzioso in tale materia», che «non solo non permetterà di definire i provvedimenti nei termini stringenti previsti dalla legge, ma sta letteralmente mettendo in ginocchio le neocostituite sezioni specializzate, non in grado di lavorare senza un adeguato investimento in termini di risorse umane (giudice e personale di cancelleria) e di supporto».

Il decreto ministeriale 1 dicembre 2016 in materia di Rideterminazione delle piante organiche del personale di magistratura dei Tribunali ordinari e delle relative Procure della Repubblica, evidenzia l'Anm, «non ha potuto, infatti tener conto della concentrazione delle competenze in materia di immigrazione nei tribunali distrettuali, così come determinato dalla legge 46, con la conseguenza che i Tribunali distrettuali, ad organico invariato, hanno avuto enormi difficoltà a reperire le risorse umane necessarie alla istituzione delle sezioni specializzate (soprattutto i Tribunali che nel Dm hanno subito una diminuzione della pianta organica e quelli dei piccoli distretti), tenuto conto dell'enorme carico di lavoro che le stesse devono smaltire nei ristrettissimi tempi imposti dalla legge (quattro mesi)».

«Situazione - lamenta la Giunta dell'Associazione - che la legge 46 non ha affrontato, prevedendo solo un aumento delle piante organiche delle Commissioni Territoriali e del loro numero, senza considerare che l'aumento della capacità di esame delle domande e di definizioni del procedimento amministrativo da parte delle commissioni territoriali, avrebbe necessariamente comportato un aumento delle impugnazioni dei provvedimenti di rigetto innanzi al giudice ordinario. Cosa che è puntualmente avvenuta». L'Anm cita in proposito «l'esempio del solo Tribunale di Roma, nel 2016 sono stati presentati circa 5.800 ricorsi, mentre i ricorsi aventi ad oggetto la sola impugnazione dei provvedimenti della commissione territoriale depositati dal 18 agosto 2017 al 31 gennaio 2018 (5 mesi e 13 giorni) sono stati circa 4.900. Le stesse linee guida impartite con la risoluzione del Csm del 15 marzo 2017 rischiano di rimanere lettera morta senza un'adeguamento delle piante organiche dei Tribunali distrettuali competenti in tale materia e di un'adeguata dotazione, per le sezioni specializzate, di Giudici Onorari e Tirocinanti».
Martedì 13 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-02-2018 10:31

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-02-14 10:14:27
Costi collaterali della "accoglienza", come se i nostri tribunali non avessero abbastanza a che fare con i delinquenti consolidati. Comunque basterebbe non prevedere la possibilità di impugnazione: una volta che un giudice ha deciso, fuori dai piedi.
2018-02-14 08:50:40
Contenziosi ? Ricorsi ? E per che cosa ? Per tenere in Italia truppe di scansafatiche, violenti, stupratori, ladri e spacciatori di droga, che non fuggono da alcuna guerra, ma sono venuti solo qui per delinquere, sapendo che le con leggi permissive dei nostri governi di sinistrati non avranno alcun problema. Orlando poi, è un ministro ? Ma va !
2018-02-14 00:31:29
tutte balle, vogliamo sapere solo quando la rimpatrierete tutta questa marmaglia. Il terzo mondo si sta sversando qui' per mangiare a sbafo, delinquere, rubare... e anche i perbenisti e buonisti devono rendersene conto. Oppure aprano le loro casette e i loro portafogli ai loro beniamini
QUICKMAP