seguici su Google+ RSS
Mercoledì 23 Luglio - agg.3:06
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Messina, uccide le due sorelle disabili
e poi si toglie la vita

MESSINA - Emarginazione sociale e solitudine: sono gli ingredienti comuni di un dramma familiare che ha avuto come epilogo tre morti nel messinese e di un altro sfociato nell'omicidio suicidio di una coppia di coniugi nel vicentino. La prima tragedia si è consumata a Terme Vigliatore (Me) dove Vito Isgrò, 39 anni, ha ucciso le sorelle disabili Maria, di 47 anni, e Laura, di 41, e poi si è tolto la vita anche lui. I tre cadaveri sono stati trovati dai vigili del fuoco, che hanno dovuto forzare la porta di ingresso per entrare nell'abitazione.

A chiamare i carabinieri e i pompieri sono stati, intorno a mezzogiorno, i vicini di casa dei fratelli Isgrò, che da giovedì scorso non li avevano più visti. Probabilmente la molla che ha spinto il fratello ad assassinare le due congiunte, affette da disabilità mentale, sarebbe stata la stanchezza nell'assisterle. Secondo una prima ricostruzione, le avrebbe uccise con del veleno prima di suicidarsi anche lui con il liquido letale.

Come hanno dichiarato i vicini l'uomo da mesi si lamentava di non riuscire più a far fronte a questa situazione. A fare chiarezza sulla morte delle due donne sarà l'autopsia che è stata disposta dal magistrato e verrà eseguita nei prossimi giorni.

Il sindaco di Terme Vigliatore Bartolo Cipriano si dice esterrefatto: «È una tragedia grande per la nostra comunità che ci lascia tutti inermi e stupiti per quanto avvenuto - dice Cipriano -. Non sapevo che vi fossero problemi in quella famiglia, conoscevo quell'uomo che era un persona normale ed era molto generoso con le sorelle che non abbandonava mai. Le accudiva con molto amore e con grande dedizione. Da quello che mi riferiscono i miei uffici non avevano problemi economici riuscivano a badare a se stessi».

Inoltre l'uomo non si era lamentato della situazione con l'amministrazione comunale. «Altrimenti saremmo intervenuti - spiega il sindaco - È un dramma della disperazione che ci lascia interdetti e sconvolti». Una tragedia della solitudine simile per molti versi a quella avvenuta in provincia di Vicenza, dove Marcello Rigodanzo, 83 anni ha assassinato con una baionetta risalente alla prima Guerra Mondiale la moglie Adriana Carolo, 79 anni.

L'ha sgozzata con un colpo solo alla gola, all'altezza della carotide, inferto senza tentennamenti dall'anziano mentre la donna dormiva, nella camera da letto. La coppia viveva in una casa costruita negli anni Cinquanta in un borghetto nella zona collinare di Arcugnano, ed era rimasta sola dopo che i quattro figli, di cui tre femmine, erano andati a vivere altrove.

La donna si era ammalata sei anni fa e da allora è stato un calvario sia per lei che per il marito, costretti a passare da un ospedale ad un altro. Una situazione che si è fatta col tempo particolarmente difficile e che, secondo quanto si è appreso, ha portato alla disperazione il capofamiglia, che non avrebbe più retto, fino al gesto estremo di oggi.

Lunedì 04 Marzo 2013 - 18:34
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

«Chiama il mio fidanzato», e Siri risponde: «Quale dei due?». L'iPhone inguaia la ragazza infedele

Siri è un noto software che grazie al riconoscimento vocale aiuta in molte situazioni, ma in una...

Addetti alle pulizie trovano un pupazzo "impiccato" in una casa e lo gettano nella discarica: ma era un cadavere

Non hanno avuto nemmeno un dubbio. I due addetti di una società di pulizie che si sono trovati davanti...

Papà trova babysitter che abusa del figlio Lo picchia a sangue, poi chiama la polizia

Lo ha picchiato così forte da farlo svenire. Poi ha chiamato la polizia: «Sono tornato a casa e...

Ilaria d'Amico e Gigi Buffon, coccole in alto mare: ecco le foto della loro fuga d'amore in Grecia

L'amore tra Ilaria d'Amico e il portiere della Juventus Gigi Buffon naviga in acque sicure. Ecco le...

In metropolitana c'è il pizzo sul biglietto: macchinette presidiate da gruppi di rom

Sputi ai turisti, estorsioni, guardie giurate minacciate e ferite con le penne negli occhi.

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009