Bologna, madre scende per obliterare il biglietto: il treno riparte con il figlio di un anno

È scesa dal treno per convalidare il biglietto, come da abitudine. Questa volta però non è stata però abbastanza svelta. Così una giovane madre ha visto prima le porte richiudersi e poi il convoglio ripartire con il figlio di un anno che l'aspettava sul vagone. 

Ieri sera, 12 ottobre, nella piccola stazione di Crespellano, nel Bolognese, sono intervenuti i Carabinieri per risolvere l'insolita emergenza. La giovane mamma, resasi conto che il bambino era rimasto da solo sul vagone, ha iniziato a urlare e a rincorrere pericolosamente il treno sulla banchina per tentare di fermarlo. Tutto invano però.

I Militari dell'Arma, allora, hanno anticipato l'arrivo del convoglio alla stazione ferroviaria successiva, quella di Ponte Ronca, e hanno intercettato il treno. Il personale, avvisato della presenza del piccolo, se ne è preso cura fino all'arrivo della madre. 
Giovedì 12 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 12:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-10-12 18:54:10
INFATTI è una cretinata fare obliterare giù dal treno. Andrebbe obliterato sul treno stesso
2017-10-12 18:46:20
che e' na risorsa? italiana nun po' esse!
2017-10-12 18:31:48
obliterare??? e che de? obliterare!!!! ma fateme er santo piacere!!!! stanno a cambia tutto, pure la lingua italiana!
2017-10-13 09:22:44
obliterare v. tr. [dal lat. oblit(t)erare, der. di littĕra «lettera» col pref. ob-; propr. ... a. letter. Cancellare, rendere illeggibile uno scritto o sim. mediante una scrittura sovrapposta, una macchia o altro... dal latino, capito? quindi più italiano di tante altre parole che usiamo tutti i giorni
2017-10-13 09:34:39
Oh signore... sono decenni che si dice "obliterare". La parola è brutta, ne convengo, tuttavia non mi sembra il caso di fare una tragedia. Almeno è corretta. Mi scaglierei piuttosto sulle "porte allarmate".
9
  • 908
QUICKMAP