Lucia Riina, la figlia del boss chiede il bonus bebè: il comune rifiuta

Lucia Riina
Prima sono arrivati due no dal Comune di Corleone, poi il terzo no dall'Inps: Lucia Riina, figlia del boss Salvatore, non avrà il bonus bebè destinato alle famiglie povere. La più piccola dei quattro fratelli Riina aveva avanzato istanza al Comune (sciolto qualche mese fa per infiltrazioni mafiose e attualmente retto da tre commissari) per ottenere l'assegno una tantum di mille euro dato dalla Regione siciliana, attraverso le amministrazioni locali, a chi nell'Isola mette al mondo un figlio e ha un reddito al limite dell'indigenza.

Rigettata la richiesta, per un vizio formale, l'ha reiterata il marito di Lucia, Vincenzo Bellomo; ma anche lui ha ricevuto un no, dovuto al ritardo con cui era stata presentata l'istanza. Infine, il terzo tentativo (fallito) con l'Inps, che eroga un assegno mensile per i primi tre anni di vita del bambino (per un importo che va da 80 a 160 euro), a quelle famiglie che non superano 25 mila euro del parametro Isee. La figlia trentasettenne di Riina, che dipinge e vende i suoi quadri su Internet, vive a Corleone dal '93, dove è tornata con la madre Ninetta Bagarella e i fratelli, all'indomani dell'arresto del padre, avvenuto il 15 gennaio di quell'anno.

A Corleone si è sposata nel 2008, accompagnata all'altare dal fratello Giuseppe Salvatore che era appena uscito dal carcere. L'altro fratello, Giovanni Francesco, è in galera e sconta l'ergastolo per alcuni omicidi; Maria Concetta, la più grande, vive in Puglia con il marito. Quattro anni fa, in pieno agosto, un'intervista di Lucia Riina alla televisione della Svizzera francese Rts fece divampare le polemiche. L'ultimogenita del boss, che scelse Ginevra come meta del suo primo viaggio all'estero, si disse «dispiaciuta» per le vittime, ma «onorata e felice di portare il cognome di suo padre: immagino che qualsiasi figlio che ama i genitori non cambia il cognome. Corrisponde alla mia identità, siamo tutti figli di qualcuno e non bisogna restare nel passato ma andare avanti
».

Le famiglie delle vittime di mafia insorsero e da quel momento Lucia tornò nell'ombra, prima di questa bizzarra richiesta, quasi un'ostentazione di normalità che mal si concilia con quanto sosteneva il padre in una conversazione intercettata in carcere:
«Se recupero un terzo di quello che ho, sono sempre ricco».
Domenica 18 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 19-06-2017 19:59

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-06-19 13:50:50
Secondo me, vale il principio della Legge che il bonus va dato a tutti incondizionatamente dagli incensurati ai pregiudicati.
2017-06-19 07:46:40
Il rifiuto è stato fatto per un vizio fornale, il cognome non c'entra una mazza. I diritti sono uguali per tutti. E tutti sono uguali dinanzi alla legge.
2017-06-18 22:51:36
pensa in che Paese viviamo !!!!!!! Vergogna !!!!!!
2017-06-18 22:51:36
pensa in che Paese viviamo !!!!!!! Vergogna !!!!!!
2017-06-18 22:48:33
27 Maggio 1993 Firenze. Strage Via dei Georgofili,Galleria degli Uffizi. Un'autobomba provoca la morte di cinque persone: Angela Fiume, il marito Fabrizio Nencioni, le Figlie Nadia di 8 anni e Caterina, di 50 giorni, e lo studente Dino Capolicchio..... Signora Lucia le chiedo,si e sentita mai il bisogno di domandare a suo papĂ  di questo?...rifletta sopratutto su Nadia di 8 anni e Caterina di 50 giorni e forse ella sentirĂ ,quando avrĂ  un figlio un briciolo di vergogna per quello che ha fatto papĂ  in quei giorni.
14
  • 1,7 mila
QUICKMAP