Le sfide nazionali/È solo pallone, concentriamoci sulle partite vere

di Alessandro Campi
Viene da chiedersi quale Paese meraviglioso sarebbe l’Italia se i suoi abitanti riservassero all’impegno civile, al lavoro quotidiano, ai rapporti sociali e alla tutela della cosa pubblica un decimo delle passioni, delle fatiche mentali, delle energie fisiche, della creatività, del tempo e delle parole che dedicano al calcio, ovviamente più guardato da seduti che giocato. S’è visto anche questa volta di cosa siamo capaci, con la nazionale che non è riuscita a qualificarsi per i mondiali del 2008...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Marted├Č 14 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 23:55

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-15 10:10:11
Panem et circenses. E'una storia vecchia almeno duemila anni ma funziona sempre. . Certo se non avremo la sbornia dei mondiali forse saremo costretti a riflettere un po' di pi├╣ sui i nostri guai.
QUICKMAP