La pista dei dati segreti venduti negli Usa e i 3 milioni che l'hacker doveva incassare

di Valentina Errante e Sara Menafra
ROMA Un credito di due milioni e 890mila euro ai quali Giulio Occhionero era pronto a rinunciare. La rete internazionale legata alla massoneria dell'hacker finito in manette, che dagli Usa incrociava anche Malta e Londra, passa pure attraverso alcuni pagamenti, come quello dovuto alla sua Westlands securities srl dalla Miller & Taylor, società di consulenza legale con sede a Burlington, nel Vermont. Se Occhionero fornisse informazioni riservate e quali fossero i suoi rapporti con gli Usa lo chiariranno i prossimi passi...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 12 Gennaio 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:26
QUICKMAP