Genova, piromane incendia reparto maternità ospedale: tre punti d'innesco

Il rogo divampato ieri sera al padiglione 2 dell'ospedale San Martino di Genova è partito da tre punti diversi: in due stanze bagno e in una adibita al lavaggio culle. Il piromane ha dato fuoco a un poster e a carta presente sul posto. È quanto emerso dal sopralluogo dei vigili del fuoco nei fondi del reparto nascite del nosocomio. Il direttore sanitario Giovanni La Valle ha presentato denuncia ai carabinieri. «Adesso - ha spiegato il direttore - cercheremo di chiudere ancora di più quella zona, per renderla meno accessibile».

La zona interessata dalle fiamme, domate subito prima dal personale ospedaliero e poi dai vigili del fuoco, è quella dei corsi prenatali, la stessa dove a marzo erano apparse alcune scritte di minacce di morte a un ginecologo e ad alcune ostetriche. Una circostanza che adesso è al vaglio degli investigatori. Le pazienti e i neonati sono stati allontanati dal reparto ma sono stati fatti rientrare quasi subito dopo le verifiche del caso.
Lunedì 19 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-06-2017 13:24

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-20 06:12:29
Ecco l'integralismo nostrano...antiabortisti pro-life che minacciano ginecologi che applicano la legge e che incendiano un reparto maternità con dentro pazienti e neonati. Anche loro vogliono donne col velo e macchine per fare figli. Ed incatenate ad un amore mortale....
1
  • 143
QUICKMAP