Cosentino, Tribunale nega la revoca
degli arresti: ora rischia il carcere

Nicola Cosentino
CASERTA - Il tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha respinto l'istanza di revoca dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Nicola Cosentino in carcere, nel procedimento in cui il parlamentare Ŕ accusato di concorso esterno in associazione mafiosa per presunti rapporti con il clan dei Casalesi.

La decisione Ŕ stata adottata oggi dal collegio C della prima sezione penale del Tribunale presieduta da Giampaolo Guglielmo. Il tribunale si Ŕ riservato di depositare le motivazioni nei prossimi giorni, probabilmente giovedý prossimo. Davanti al Collegio Ŕ in corso di svolgimento il processo Eco4 che vede imputato Nicola Cosentino per concorso esterno in associazione mafiosa.

Cosentino, se l'ordinanza non venisse revocata successivamente dal Riesame, potrebbe essere arrestato pertanto nel momento in cui decade dalla carica di deputato, ovvero quando si insedia il nuovo Parlamento. Sull'istanza, presentata dagli avvocati Stefano Montone e Agostino De Caro, avevano espresso parere negativo i pm della Dda di Napoli. Una analoga richiesta di revoca, riguardante un diverso procedimento in cui Cosentino Ŕ imputato per il finanziamento di un centro commerciale di Casal di Principe, Ŕ ancora al vaglio del Tribunale.
Lunedý 4 Marzo 2013, 17:24 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
QUICKMAP