Franzoni non paga l'avvocato Taormina, condannata

Annamaria Franzoni è stata condannata in sede civile a risarcire il professor Carlo Taormina per un mancato compenso di 275mila euro. Lo ha deciso il giudice del tribunale civile di Bologna Giuseppina Benenati, con una sentenza depositata oggi. A confermarlo, l'avvocato Cristiano Prestinenzi, titolare della difesa insieme a Lorenzo Imperato e Livio Bonazzi.

La cifra riguarda il compenso professionale mai percepito da Taormina per averla difesa nel processo sul delitto di Cogne. L'intera somma, calcolando iva, interessi e cassa previdenza avvocati, si aggira attorno ai 400 mila euro. L'avvocato Taormina aveva chiesto una somma maggiore che ammontava a circa un milione di euro ma il giudice ha deciso per un risarcimento minore. Per questo l'avvocato Taormina, a quanto si apprende, sarebbe intenzionato a impugnare la sentenza.

Franzoni, condannata nel 2008 in via definitiva a 16 anni per l'omicidio del figlio Samuele, commesso nel 2002, fu assistita da Taormina nel processo fino a quando il penalista non rinunciò al mandato, nel febbraio 2007, dunque si sono accumulati 5 anni di parcelle. L'avvocato, nel 2013, aveva citato in giudizio Franzoni, chiedendo il pagamento di onorari mai versati per 771.507 euro, di cui circa 14mila riferibili al marito Stefano Lorenzi per alcune querele presentate dal legale.

GRATUITÀ SI O NO?
Secondo il collegio difensivo di Franzoni, Taormina aveva pattuito la gratuità della prestazione ma non c'è prova di questo accordo. Il giudice, nel quantificare la somma dovuta, si è basato su una consulenza tecnica d'ufficio affidata all'avvocato D'Apote. Ha rigettato, invece, la richiesta di condanna per Lorenzi, così come ha respinto la richiesta dei Lorenzi che pretendevano, a loro volta, un risarcimento da 200mila euro, ritenendosi danneggiati dal coinvolgimento nel processo Cogne-bis'. I legali di Franzoni non hanno ancora annunciato se ricorreranno in appello.

 
Venerdì 17 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-02-2017 14:48
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2017-02-17 10:15:51
Ieri ho avuto un lieve tamponamento, mi rivolgerò senz'altro a Taormina per la controversia legale.
2017-02-17 10:41:08
ma non aveva detto che la difendeva gratis ma con tutti i casini fatti ed inquinamenti delle prove, che mi ricordo si parlava all'epoca? Considerata la condanna, la potevo difenderla pure io, che sono ragioniere, forse le davano di meno. è riuscita a mandare in galera la sua cliente, solo su prove che non poteva essere stato nessun altro, e non è stata lei
2017-02-17 11:14:39
E' un avvocato che vale tanto oro quanto pesa, specialmente se fa andare in galera i suoi clienti.
2017-02-17 11:46:07
Benedetti euro.......pensate se si fosse parlato delle vecchie, care lire!
2017-02-17 12:14:05
paghi, paghi e gli va bene, in fin dei conti uccidere un figlio e gia' essere libera non gli deve sembrare un cattivo affare. Povero bambino chi si ricorda di lui
18
  • 463
QUICKMAP