Clochard morto carbonizzato in auto, indagati due minorenni: «Era solo uno scherzo»

Due minorenni, un 13enne e un 17enne, sono indagati per la morte del clochard deceduto, nel dicembre scorso, nel rogo dell'auto in cui dormiva a Santa Maria di Zevio (Verona). L'inchiesta è coordinata dalla procura dei minori di Venezia. Intanto i carabinieri continuano ad ascoltare testimonianze per raccogliere altri elementi utili all'inchiesta. L'incendio, che inizialmente si pensava fosse divampato per cause accidentali, potrebbe essere invece nato da uno scherzo finito male: le indagini serviranno a chiarire l'esatta dinamica dell'accaduto.

I residenti della zona hanno riferito agli investigatori che vedevano spesso i du ragazzi infastidire il clochard, tirandogli contro dei petardi. «Era uno scherzo, non l'abbiamo fatto apposta» si sarebbero giustificati i due ragazzi, secondo quanto riporta l'edizione di Verona de «Il Corriere del Veneto».  A indirizzare le indagini verso i due giovani, di origini straniere, sarebbero state anche le immagini delle telecamere di sicurezza. L'uomo, Ahamed Fdil, un marocchino di 64 anni, aveva fatto dell'auto la propria casa dopo essere rimasto senza lavoro. Ma negli ultimi mesi, secondo le testimonianze degli abitanti della zona, era divenuto l'obiettivo di un gruppo di bulli, che non perdevano occasione per dargli fastidio, tirando anche piccoli botti verso la sua vettura.
Venerdì 12 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-01-2018 12:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-01-14 12:43:59
Bravi ragazzi di buona famiglia, ovviamente. A quell'eta' non riescono a rendersi conto, poverini, volevano solo fare uno scherzo innocente... stiamo parlando di bambini di 6 anni?
2018-01-13 07:52:11
17 anni un ragazzino ? Neanche a 13 si è "ragazzini". A reato da adulto pena conseguente. I ragazzini rubano la marmellata o vanno a caccia di passeri con la fionda. Se buttano massi sulle macchine dai cavalcavia o danno fuoco ai poveracci non sono "ragazzini", sono delinquenti.
2018-01-12 20:33:22
Non sopporto più questi epiteti ,ragazzini,baby,sono giovani delinquenti e in altri Paesi moderni e democratici finirebbero dietro le sbarre,giustamente,in italia c'è un problema di ignoranza,trattandoli da eterni bambini sforniamo solo dei nuovi teppisti,saranno baby anche a 25 anni dopo che iniziano di solito a fare angherie fin dalla più tenera età,mi fanno impressione,tutti ,i finti baby e gli adulti ciechi che li difendono sempre.
2018-01-12 19:50:15
leggete bene, sono di origine straniera! La responsabilita' di quanto e' successo ricada sui genitori
2018-01-12 22:01:55
Xluciogrande: Io dividerei la responsabilita' sui genitori e sui ragazzi responsabili per la morte di un essere umano.
11
  • 262
QUICKMAP