Venezia, va in coma dopo l’operazione ​per dimagrire: chiede un milione

foto d'archivio
di Gianluca Amadori
 Un’operazione di riduzione dello stomaco per curare una patologia di obesità cronica si è trasformata in un vero e proprio "calvario" per una cinquantottenne di Cavallino-Treporti, che ora chiede all’Azienda ospedaliera di Padova un risarcimento di un milione di euro per i gravi danni sofferti anche dai suoi familiari. 

Il suo legale, l’avvocato Giorgio Caldera, si appresta a depositare l’atto di citazione a giudizio di fronte al Tribunale civile, dopo che il procedimento obbligatorio di mediazione si è concluso con un nulla di fatto.

Il consulente medico legale della donna, il dottor Nico Zaramella, sostiene che vi è una responsabilità a carico dei sanitari padovani che l’hanno avuta in cura i quali non si sarebbero resi conto delle complicazioni insorte dopo l’operazione e, di conseguenza, non si sarebbero attivati subito in maniera adeguata.
Domenica 18 Settembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 19-09-2016 16:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 82
QUICKMAP