Catania, donna uccisa con una coltellata alla gola nel centro accoglienza: fermato il compagno

È stato sottoposto a fermo dalla Polizia di Stato il compagno della nigeriana di 26 anni, Francis Mirale, uccisa con un colpo di coltello alla gola nel cara di Mineo. L'uomo, Billa Francis, di 30 anni, maliano, è gravemente indiziato del reato di omicidio volontario, con le aggravanti di avere agito per motivi abbietti o futili e con crudeltà.

Il maliano è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza a disposizione del Sostituto procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Catania. Secondo quanto accertato l'uomo, che vive nel Nord Italia, sarebbe andato a trovare la moglie ed i figli nel Cara ed avrebbe colpito la donna al culmine di una lite prima di darsi alla fuga. L'uomo, senza documenti, era stato bloccato ieri dalla Polizia di Stato nei ressi di un Internet Point nella zona della Stazione Ferroviaria del capoluogo etneo, dove voleva incassare una somma di danaro in contanti che gli consentisse di raggiungere il Nord Italia e poi l'estero. Portato negli uffici della Squadra mobile per essere sentito come persona informata sui fatti con l'aiuto di un interprete, non ha reso alcuna dichiarazione, limitandosi ad affermare di non essersi mai recato nel Cara di Mineo. Gli investigatori hanno riscontrato la presenza sul suo corpo graffi ed abrasioni compatibili con una colluttazione ingaggiata con la vittima e gli hanno sequestrato i vestiti. L'uomo inoltre aveva in tasca un foglio scritto a mano con i nomi della compagna e dei figli. Durante un sopralluogo nell'alloggio della donna effettuato con l'ausilio della Polizia Scientifica è stata trovata l'arma usata per l'omicidio, un coltello da cucina con una lama lunga circa 13 centimetri sporco di sangue.

 
Mercoledì 3 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 21:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-01-03 13:15:56
1° femminicidio del 2018: il record è di una RISORSA DEL MALI, da dove è naturalmente fuggito da guerre, carestie e persecuzioni. Le attiviste del femminismo di sinistra ancora non le sento. Come mai? In questi primi tre giorni dell'anno i colored non sono rimasti disoccupati: Tentato stupro (un bengalese) in un parco di Roma e molestie (un somalo) in sala parto.
2018-01-03 12:24:36
Ora sarebbe un errore metterlo in carcere. Sarebbe fondamentale inserire questo ragazza in un peogramma siciale di inserimento nella Sovieta italiana affinche possa capire l'errore che ha commesso e ricostruirsi una vita.
2018-01-03 13:45:57
in italia a scuola si dice e si scrive ''programma sociale'' e societa'
2018-01-03 11:05:38
I CARA sono in mano alle coop rosse....che ovviamente ci guadagnano ma non controllano chi entra, esce o delinque. Basta vedere i vari servizi ai tg dove si nota che i cancelli sono aperti, nessuno controlla chi entra ed esce, nessuno sa chi c'è dentro. Sono praticamente come i palazzoni occupati abusivamente, solo che nei CARA passano pure il vitto. Chiudere tutto e rimpatriare chi non ha diritto!
2018-01-03 10:55:25
Il CARA di Mineo ospita 2500 " migranti", alcuni dei quali lì da anni. Cosa aspettano gli amici di quegli amici ( produttori di tanti bei voti ) che su quella struttura campano alla grande per accertare chi ha diritto allo status di profugo e chi invece deve essere cacciato ( ma sul serio e non con il solito inutile, mistificatorio biglietto ) e per chiuderlo un minuto dopo. Sempre più giù nei sondaggi ma sempre più attaccati alla loro demagogia e sempre più impegnati nella devastazione del Paese. Se questa non è follia cos'è ?
6
  • 89
QUICKMAP