Cassazione: ruba caramelle per 10 euro nel supermercato dove lavorava, giusto il licenziamento

La corte di Cassazione
Rubare le caramelle - un furtarello da meno di 10 euro - può costare il posto al dipendente di un supermercato. La Cassazione ha confermato il licenziamento per giusta causa di un addetto al rifornimento degli scaffali trovato a fine turno in possesso di merce (di poco valore) che non aveva pagato. Il giudice - spiega la Suprema Corte - deve valutare in base al «singolo rapporto» se la giusta causa ricorra o meno, e se la sanzione è proporzionata.

E in questo caso, ha ritenuto che il comportamento «fraudolento», anche se non vi erano precedenti, avesse minato in maniera irreversibile il rapporto fiduciario tra datore di lavoro e lavoratore. Il fatto è successo in un supermercato di Napoli nel 2009: all'uscita era scattato l'allarme antitaccheggio, attivato da adesivi invisibili posti sui pacchetti di gomme e caramelle all'insaputa dei dipendenti, ma l'uomo aveva goffamente parlato di un piano contro di lui architettato dal capo della sicurezza, che avrebbe voluto incastrarlo.

Il tribunale, che non aveva riscontrato alcuna prova per tali accuse, aveva confermato il licenziamento, nonostante il dipendente non avesse precedenti disciplinari e i beni sottratti fossero di scarso valore, appena 9 euro e ottanta centesimi. La decisione era stata quindi confermata dalla Corte d'Appello di Napoli. Anche la Cassazione ha condiviso il giudizio di «gravità della condotta contestata e di proporzionalità della sanzione espulsiva».
Un provvedimento grave come il licenziamento è indipendente dal valore della merce sottratta: «La valutazione in ordine alla ricorrenza della giusta causa e al giudizio di proporzionalità della sanzione espulsiva deve essere operata in riferimento alla natura e all'utilità del singolo rapporto». «Il dimostrato carattere fraudolento - scrive la sezione Lavoro nella sentenza n. 24014 - nella specie palesemente doloso e premeditato, della condotta del lavoratore è stato ritenuto sintomatico della sua, anche prospettica, inaffidabilità e, come tale, idoneo ad incidere in maniera grave ed irreversibile sull'elemento fiduciario, nonostante la modesta entità del danno patrimoniale e la mancanza di precedenti disciplinari». L'ex dipendente è stato condannato anche a pagare le spese di giudizio in Cassazione, per oltre 3.500 euro.
Giovedì 12 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 11:18

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-10-13 11:06:18
allucinante, si può dire??
2017-10-13 09:12:58
il dipendente delle poste che ha rubato i soldi è stato riammesso al lavoro questo che ha sottratto 10 euro lo licenziano. La legge in Italia è uguale per tutti :))))
2017-10-13 08:47:18
A questo si che daranno l'ergastolo, la giustizia si accanisce sui più deboli e si gira davanti ai forti, soprattutto se politici o grandi dirigenti bancari
2017-10-13 08:34:26
Chi ruba poco a mano a mano ruba di più. Potrei capire una caramella, ma dieci euro di caramelle no, giusto licenziamento. Ora per consolarsi vada a comprarsi dei lecca lecca
2017-10-13 07:21:10
Da come scritto nell'articolo erano stati messi degli adesivi invisibili antitaccheggio si presume che per arrivare a ciò erano evidenti gli ammanchi in azienda e alla fine il risultato è questo nella decisione della corte
7
  • 31
QUICKMAP