Brescia, stuprate a 12 anni dall'istruttore di karate ed educatore in parrocchia: almeno sei minorenni vittime

Da allieve del corso di karate a baby fidanzate - a 12 anni - dell'allenatore adulto. Una storia terribile  che  arriva da Lonato del Garda, nel Bresciano, dove abita il maestro di karate Carmelo Cipriano, 43 anni, arrestato dai carabinieri e finito in carcere con le accuse di prostituzione minorile, violenza sessuale di gruppo, atti sessuali con minori e detenzione di materiale pedopornografico. Secondo l'inchiesta del sostituto procuratore di Brescia Ambrogio Cassiani, che ha chiesto e ottenuto dal gip la detenzione in carcere «perché altre misure sarebbero del tutto inadeguate», l'istruttore avrebbe costretto a consumare rapporti sessuali diverse ragazzine che frequentavano la palestra Asd Askl di cui è proprietario.

Addirittura lo avrebbe fatto fin dal 2003. Per la Procura l'uomo «è incapace di contenere l'impulso sessuale». L'indagine è nata dopo la denuncia di una vittima che all' epoca dei primi incontri sessuali con Cipriano aveva solo 12 anni e quella dei genitori di un'altra ragazzina conosciuta all' epoca in cui l'arrestato era educatore in una parrocchia di Lonato del Garda.

Le vittime sono tutte minorenni e i rapporti sessuali avvenivano soprattutto in uno stanzino della palestra. Nell'inchiesta risultano indagati a piede libero altri tre adulti che avrebbero partecipato a serate di sesso di gruppo organizzate dallo stesso maestro di karate che costringeva le giovanissime allieve a contattare uomini maturi in chat. Gli indagati sono un 49enne di Castiglione delle Stiviere, un 43enne di Mantova e un 31enne di Sirmione, nel Bresciano. Ad inchiodare l'uomo ci sono i messaggi e le chat scambiati nel tempo con le minorenni, ma anche e soprattutto le testimonianze delle stesse vittime ascoltate in questi mesi in audizioni protette. Alcune sono diventate maggiorenni e raccontano di «scene delle quali ci vergogniamo e quei pensieri mi fanno male anche oggi che sono maggiorenne» racconta una delle sei ragazzine che chi indaga è convinto siano state costrette a consumare rapporti sessuali con il maestro di karate.
Venerdì 6 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 07-10-2017 15:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-10-09 11:23:17
Altro che "essere incapace di contenere l'impulso sessuale"! Qui siamo difronte ad un porco, prosseneta, sfruttatore, pappone. Un vero mascalzone. Il carcere fa proprio al caso suo e spero lo faccia anche per gli altri indagati. E' sicuramente un'esperienza che smorza i bollenti spiriti.
2017-10-07 07:21:19
giustizia, giustizia,,,,,,,,,vogliamo vederli tutti in galera
2017-10-06 22:51:06
Il karate viene insegnato per forgiarsi una personalitĂ  seria, precisa,attenta alla solidarietĂ  verso l'altro e con il preciso intento di non adoperare l'arte appresa per disturbare,manomettere e comunque creare situazioni spiacevoli per l'altro. Questo maestro di karate ha infranto tutte le direttive del karate e sopratutto ha compiuto gravissimi atti contro minorenni. Deve essere neutralizzato e fatto lavorare moltissimo per ripagare tutti i danni compiuti.
2017-10-06 22:44:11
fenomeni da catechismo e accoglienza.
2017-10-06 21:44:59
Guarda caso è sempre gente che si batte il petto in chiesa,vorrei dire al Papa di guardare dentro la chiesa e non nel nostro paese e facesse i fatti e non i proclami e le chiacchiere da esponente comunista...........
10
  • 4,3 mila
QUICKMAP