seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Giovedì 17 Aprile - agg.2:08
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Borse acqua calda elettriche «cancerogene», maxisequestro a Bari

BARI - Circa 25.000 borse d'acqua calda elettriche - denominate "Caldo cuscino" - risultate altamente pericolose per la salute, per rischio cancerogeno o per insorgenza di patologie croniche attraverso inalazione di sostanze nocive , sono state sottoposte a sequestro su tutto il territorio nazionale dai militari della Guardia di Finanza di Monopoli (Bari). L'articolo è importato e commercializzato in Italia dalla società Euronovità S.r.l. di Noci (Bari), il cui rappresentante legale è stato denunziato.

I sequestri sono stati fatti presso grossisti e acquirenti, risultati non a conoscenza della pericolosità del prodotto. Nel corso delle indagini è stato accertato che il «Caldo Cuscino» commercializzato dalla società di Noci, veniva importato direttamente dalla Repubblica Popolare Cinese (dove viene fabbricato) e rivenduto su tutto il territorio nazionale, attraverso successive cessioni a numerosi punti vendita.

Si presenta come un morbido sacchetto, dotato di dispositivo elettrico per riscaldare il liquido contenuto all'interno e viene utilizzato per scaldare mani, piedi, collo o sotto le coperte. Durante i controlli gli investigatori hanno notato che il «Caldo cuscino» commercializzato dall'azienda di Noci emanava un odore pungente e pertanto alcuni campioni sono stati inviati al Dipartimento di Chimica dell'Università degli Studi di Bari per accertamenti nel corso dei quali sono state individuate «quantità significative di idrocarburi alifatici, idrocarburi aromatici ed idrocarburi clorurati».

In condizioni di non utilizzo, quindi spento, il prodotto rilascia emissioni di derivati del petrolio (toluene, benzene, etc) dieci volte superiori al limite consentito esponendo quindi il consumatore al rischio cancerogeno per inalazione e anche in caso di funzionamento, le emissioni di questi derivati del petrolio raggiungono valori estremamente alti. Gli investigatori hanno inoltre accertato che il prodotto, prima della sua commercializzazione, veniva sottoposto a controlli da parte di una società anglosassone, al fine di ottenere le necessarie certificazioni per essere immesso in commercio all'interno dell'Unione Europea.

Tuttavia, è emerso che le certificazioni erano parziali, in quanto riguardanti esclusivamente l'apparato elettrico. L'azienda nocese quindi, acquisendo tale certificazioni e tramite l'apposizione del marchio CE, ha immesso in commercio - secondo gli investigatori - un prodotto che, agli occhi del consumatore, risultava conforme nella sua interezza, ma che nella realtà dei fatti aveva delle certificazioni parziali, limitate all'apparato elettrico e non alla componente chimico-fisica. Il sequestro è stato disposto dal gip Annachiara Mastrorilli su richiesta del sostituto procuratore Marcello Quercia.

Per la piena efficacia del provvedimento cautelare verrà inoltre attivata la procedura Rapex (European Rapid Alert System for non-food consumer products), il sistema europeo che consente l'allerta rapida per i prodotti di consumo pericolosi.

Mercoledì 24 Aprile 2013 - 22:33
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
Chieti, arrestati i quattro rapinatori dei colpi in serie a Capodanno 2014
CHIETI - Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia...
GUARDA TUTTE LE NEWS DELL' ABRUZZO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Ucraina nel caos, vertice a Ginevra: militari di Kiev si arrendono ai filorussi

A poche ore dal vertice di questa mattina Ginevra, la rivolta dei filorussi dilaga in tutta l'Ucraina...

Def, lettera del governo alla Ue: «Circostanze eccezionali, deroghiamo da obbligo pareggio»

Il governo ha deciso di accelerare il pagamento di ulteriori 13 mld di debiti della P.A, che peseranno sul...

Gasparri sarà processato per peculato: sotto accusa la polizza vita comprata con i fondi Pdl

Maurizio Gaspar rinviato a giudizio per peculato. Lo ha deciso il gup di Roma.

Grande successo del car sharing: a Roma già 20 mila iscritti a Car2go

ROMA - Oltre 20 mila iscritti a Roma per "Car2go", il servizio pioniere e leader di mercato nel...

Napolitano a Brunetta: «Il mio stipendio è di 239mila euro lordi non netti. Non prendo vitalizio»

Il president edella Repubblica, Giorgio Napolitano, risponde piccato alle insinuazion del capogruppo di Forza...

CASA
Pensioni nel 2014, cresce l'età delle donne
Si allontana il congedo. Nel 2017 pareggio anagrafico tra i due sessi
Case sfitte, quando e perché si paga l'Irpef
La tassa è dovuta per alloggi vuoti nella città di residenza
Guida alla Tasi, prima rata a giugno
Presto le aliquote decise dai Comuni. Il saldo entro il 16 dicembre
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009