Appalti Anas, 19 arresti all'alba, sequestrati beni per oltre un milione

Mazzette da 10mila a 200mila euro, assunzioni di parenti e amici, perfino l'auto con autista per andare a sciare o al mare. La Guardia di Finanza e la procura di Roma chiudono la seconda tranche dell'inchiesta sull'Anas, la principale stazione appaltante italiana, confermando quanto emerso con gli arresti di ottobre: per aggiudicarsi un appalto o velocizzare un pagamento, sbloccare contenziosi o togliere penali, c'era un solo modo, pagare i funzionari corrotti. I provvedimenti sono scattati all'alba: 19 arresti, 36 indagati, accuse che vanno dalla corruzione alla turbata libertà degli incanti, dall'autoriciclaggio al favoreggiamento personale e alla truffa, una cinquantina di perquisizioni in mezza Italia, il sequestro di 800mila euro ritenuti il profitto della corruzione, oltre ad altri 225mila euro trovati durante i controlli nelle abitazioni e negli uffici degli indagati.

«Ringraziamo la procura di Roma per l'aiuto fondamentale che sta dando al nuovo vertice nel fare chiarezza sul suo passato - commenta l'Anas in una nota -, mettere ordine e tutelare la parte sana dell'azienda, che sta attivamente collaborando» con i magistrati e gli investigatori. La società sottolinea inoltre che tra gli arrestati ci sono soggetti che sono stati «tempestivamente licenziati» dopo gli arresti di ottobre e soltanto un soggetto destinatario dell'ordinanza e tutt'ora dipendente, «ma già oggetto nei mesi scorsi di trasferimento». I nuovi provvedimenti - che riguardano funzionari ed ex funzionari, imprenditori e l'avvocato Andrea Musenga, accusato di aver pagato una mazzetta da 10mila euro - scaturiscono dalla mole di documenti sequestrata ad ottobre, dalle rilettura di centinaia di intercettazioni ma, soprattutto, dalle ammissioni di Antonella Accroglianò, l'ex dirigente del coordinamento tecnico amministrativo arrestata ad ottobre e definita dagli inquirenti la "Dama Nera": in tre lunghi interrogatori la donna ha spiegato di aver ricevuto mazzette da decine di imprenditori, facendo nomi e cognomi e chiamando in causa anche politici.

Così, se ad ottobre era finito in carcere l'ex sottosegretario Meduri, stamattina è toccato al deputato di Forza Italia Marco Martinelli ricevere un avviso di garanzia. Secondo gli inquirenti avrebbe avrebbe garantito all'imprenditore Giuseppe Ricciardello, segnalato dalla Dama nera, la nomina di un presidente di gara «non ostile» per un appalto in Sicilia. Un ruolo di intermediazione svolto tra cene ed incontri all'interno della 'Fondazione della libertà per il bene comunè dell'ex ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli (che non risulta indagato), ruolo che avrebbe fruttato al parlamentare una mazzetta da 10mila euro. Ricciardello, ha messo a verbale la Accroglianò, «mi ha consegnato 30 mila euro che io ho diviso con Elisabetta Parise (la funzionaria dell'Anas arrestata, ndr) e con Martinelli, 10mila euro a testa, prima di questa estate... Gli accordi con Martinelli li avevo presi io».

Sono decine le tangenti individuate dai finanzieri e finite nelle tasche della Dama Nera e degli altri funzionari per alterare gare e aggiustare pratiche: l'appalto per l'itinerario basentano, compreso il raccordo autostradale Sicignano-Potenza e quello per la Ss 117 Centrale Sicula (cofinanziata dalla Regione Sicilia), entrambi aggiudicati nel 2014, per la Ss 96 Barese e per la Ss 268 del Vesuvio, entrambe aggiudicate nel 2012, e perfino per la realizzazione della nuova sede Anas di Campobasso, opera aggiudicata nel 2011. «Il mercimonio della pubblica funzione - dice la Gdf - e la sistematicità dell'asservimento della medesima, sono stati i tratti essenziali che hanno caratterizzato per anni» l'operato dei funzionari dell'Anas. Una corruzione che non si limitava agli imprenditori e ai funzionari già arrestati «ma che può considerarsi sistemica».


GLI ARRESTATI
In carcere sono finiti Oreste De Grossi, Giovanni Parlato e Sergio Lagrotteria; gli arresti domiciliari sono invece stati disposti per la Dama Nera, Antonella Accroglianò, Concetto Bosco Lo Giudice, Emiliano Cerasi, Giuseppe Colafelice (attualmente all'estero), Francesco Domenico Costanzo, Antonino Ferrante, Vincenzo Loconte, Carmelo Misseri, Andrea Musenga, Elisabetta Parise, Giuseppe Ricciardello, Vito Rossi, Giovanni Spinosa, Paolo Tarditi, Antonio Valente, Sergio Vittadello.

IL PM
«Un marciume diffuso all'interno di uno degli enti pubblici più in vista nel settore economico degli appalti». Lo scrive il gip di Roma nel provvedimento con cui ha disposto gli arresti di 19 tra funzionari Anas e imprenditori, sottolineando che questo marciume è reso ancor più «sconvolgente» dalla facilità d'intervento degli appartenenti all'organizzazione per eliminare una penale, aumentare gli interessi, facilitare il pagamento di riserve e far vincere un appalto ad una società amica.
Venerdì 11 Marzo 2016 - Ultimo aggiornamento: 12-03-2016 09:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2016-03-11 09:45:36
Buongiorno Italia; sempre le stesse notizie, che noia!
2016-03-11 10:53:55
Ma dai, davvero mazzette all'ANAS ? Noooooooooo, non ci posso credere. ma come in Italia queste cose non succedono mai... Questo paese se lo sono letteralmente divorato, eppure non si viene mai a capo di nulla, mai che si riesca ad estirpare alla radice questo cancro. E il cittadino onesto continua a pagare di tasca sua...
2016-03-11 11:51:38
scommetto che per premio tutti sti avidi furbastri le daranno un'altra vacanza ai domiciliari.
2016-03-11 12:41:22
Se volete fare un appalto ... fatelo per la costruzione di nuove galere così la finiamo con gli arresti domiciliari in villa con piscina.Volete capire o no che questi sono solo dei ladri e come tali vanno trattati?
2016-03-11 17:36:24
Fino a quando corrotti e corruttori se la caveranno con pene ridicole le cose non cambieranno. Ci vogliono pene esemplari e senza nessuno sconto.
8
  • 609
QUICKMAP