Alitalia, debuttano le nuove divise. Tra qualche protesta

Come il primo giorno di scuola. Hanno suscitato curiosità e apprezzamenti di passeggeri e turisti, all'aeroporto di Fiumicino, le nuove divise Alitalia indossate da oggi dal personale di volo della compagnia. Dopo quasi vent'anni, infatti, piloti, hostess e steward debuttano con il nuovo look firmato dallo stilista milanese, Ettore Bilotta. Presentate lo scorso 18 e 19 maggio in occasione dell'Alitalia Day, le nuove divise si ispirano al glamour degli anni '50 e '60 e sono state prodotte con il contributo di oltre 500 persone in Italia.
 
 

Per le hostess il verde, che dominava la precedente divisa ha lasciato il posto a un tessuto di colore bordeaux, che gradualmente vira su un rosso più chiaro grazie all'utilizzo di un design di stampa chevron. Anche gli steward da oggi vestono una nuova divisa: presenta un design chevron a due colori, grigio antracite e verde bosco, e include una cravatta con fantasia rossa, in sintonia con la divisa delle loro colleghe di volo.

Tutto è rigorosamente made in Italy: le divise sono confezionate con tessuti provenienti dalla Toscana e seta lavorata a Como. Quelle per gli steward sono state realizzate in Puglia. Imponente anche la macchina organizzativa attivata dalla Compagnia italiana per distribuire le nuove divise: in poco più di 15 giorni, infatti, sono state consegnate tutto il set di divise agli oltre 3.500 assistenti di volo Alitalia. Nei prossimi giorni anche il personale di terra della Compagnia comincerà ad indossare la nuova uniforme che si distingue da quella dei colleghi di volo per il colore grigio antracite che, grazie al disegno chevron, vira gradualmente sul verde. 

Il debutto delle nuove divise, tuttavia, è stato accompagnato dalla protesta di un gruppo di lavoratori nei pressi del Crew briefing center vicino al Terminal 1. «Le nuove divise non rispettano gli standard della Iata, l'associazione internazionale delle compagnie aeree - spiega un delegato sindacale del personale navigante - in quanto realizzate per il 70% in acrilico, quindi in caso di incendio altamente infiammabili. Inoltre, prive di fregi, sembrano solo un bel vestito e non sono nemmeno altamente riconoscibili dai passeggeri».

Ma davvero ci sono solo le nuove divise dietro alla protesta dei dipendenti Alitalia? L'azienda ha di recente eliminato alcune agevolazioni di viaggio di cui godeva il solo personale navigante allineandosi alle politiche praticate dalle altre grandi compagnie. Un nuovo corso che ha generato non pochi malumori tra i lavoratori. I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl Reti, Uiltrasporti e Ugl trasporto aereo sono pronti a bloccare le attività di volo nel caso l'incontro previsto dalle procedure di raffreddamento della vertenza con il ministero del Lavoro, già fissato per il 14 giugno, dovesse avere esito negativo.
 
Mercoledì 8 Giugno 2016 - Ultimo aggiornamento: 10-06-2016 12:44

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2016-06-10 16:26:51
A me questo effetto vintage non dispiace..e neanche i colore! Trovo invece bruttissimo il colore delle calze....perchè verdi?
2016-06-10 11:30:25
Il taglio del vestito non √® male, carino il tubino retr√≤ anche se per una compagnia aerea forse si poteva scegliere di meglio... ma i colori sono pessimi... le calze verdi poi non si possono guardare, avrei scelto un colore pi√Ļ neutro, il verde con la pelle sotto pu√≤ avere effetti estetici devastanti... Potevano tenersi con i colori simili a quelli scelti per gli uomini.
2016-06-10 09:49:27
Gusto personale... mi sembrano orrende. Buono che siano tutte made in Italy, ma non si potevano fare pi√Ļ belle e aggraziate?
2016-06-09 23:51:41
Forza Ternana eh.....
2016-06-09 21:05:48
dire che sono orribili è fargli un complimento. solo la maglia della ternana può avere un abbinamento così, il resto è da ricovero....
23
  • 10,5 mila
QUICKMAP