Salerno, tredicenne perde occhio ​e mano per un petardo illegale

di ​Francesco Faenza
Esplode un petardo vietatoperde l'occhio e la mano sinistra. La vittima del botto fuorilegge è un ragazzo ebolitano di 13 anni. Si chiama Alessio L., vive in centro. L'adolescente ha riportato gravi ustioni anche alla mano destra. L'episodio è accaduto alle 10 di questa mattina. 

Alessio si trovava in via san Berardino, era con un gruppo di amici: ha acceso la miccia del botto ma non è riuscito ad allontanarsi. L'esplosione è stata violentissima, Alessio non ha avuto nemmeno il tempo di alzare le mani per proteggersi il viso. Il petardo ha devastato il volto  e le due mani di Alessio. Decine di persone sono scese di casa richiamate dalle urla di dolore e spaventate per il botto fragoroso. Tra i primi soccorritori in zona è giunta la madre dell'adolescente. La donna ha invocato aiuto, attendendo disperata l'arrivo dei mezzi di soccorso.

Un'ambulanza del 118 ha raggiunto via san Berardino. Alessio è stato adagiato su una barella e trasferito in ospedale con la massima urgenza. In pronto soccorso, il ragazzo ha ricevuto le prime cure dai medici Cembalo e Maurano. Nel servizio di emergenza e' arrivata anche un'equipe di rianimatori. Il responso dei chirurghi e degli ortopedici è stato traumatico. 

Il 13 enne ebolitano ha perso l'uso della mano sinistra e dell'occhio sinistro. Nelle prossime ore verrà trasferito in un centro specialistico. Nonostante i divieti del sindaco Cariello a sparare botti in strada, il bilancio a Eboli è già grave.


Sabato 31 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 01-01-2017 12:02

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 1,8 mila
QUICKMAP